Piazza Affari: valore crollato del 21%

Pubblicato da: MatteoT - il: 17-09-2012 23:36 Aggiornato il: 17-09-2012 21:40

Il peso di Piazza Affari rispetto al Pil italiano si riduce sempre di più ed, ora, scende al 21% mentre la capitalizzazione totale, pari a 327,1 miliardi di euro della fine del primo semestre 2012, si è portata ai minimi da almeno due anni e mezzo.

Questi dati emergono da un bollettino fornito dalla Consob. A giugno 2012 l’incidenza della Borsa Italiana sul Prodotto Interno Lordo nazionale è tornata sui minimi che erano già stati toccati a fine 2011. Il tentativo di recupero messo a segno nei primi mesi del 2012 è stato, quindi, annullato. E, da sole, le società finanziarie quotate hanno bruciato in 30 mesi oltre la metà del loro valore.

Il comparto industriale rimane piuttosto stabile: a fine 2010 la capitalizzazione era di 177,8 miliardi di euro, mentre nel secondo trimestre del 2012 è sceso a 159,8. Decisamente peggio stanno banche ed assicurazioni: insieme valevano 166,8 miliardi ad inizio 2010, mentre ora sono crollate a 81,7 miliardi.

La capitalizzazione complessiva di Piazza Affari è quindi passata dai 459,2 miliardi del primo trimestre 2010 ai 327,1 miliardi di fine giugno 2012: il peso sul Pil è sceso dal 29,6% al 21%.

Eni, con i suoi 66,5 miliardi di euro, resta la regina del mercato italiano in termini di capitalizzazione seguita, a grande distanza, da Enel (23,5 miliardi), Intesa Sanpaolo (17,5 miliardi) e Unicredit (16,4 miliardi).

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
eToro
eToro OpinioniConto demo
IQ Option
IQ Option OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
ITRADER
ITRADER OpinioniConto demo
DUKASCOPY EUROPE
DUKASCOPY EUROPE OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com