H&M: terzo trimestre deludente. La crisi rallenta gli utili

Pubblicato da: MatteoT - il: 28-09-2012 21:08

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

L’aumento di valore della corona svedese, la crisi economica mondiale e le temperature eccessivamente elevate hanno zavorrato i conti di H&M, ossia Hennes & Mauritz. Il gruppo di abbigliamento, con sede a Stoccolma, sembra aver risentito di questi fattori.

Karl-Johan Persson comunica che il bilancio del terzo trimestre, che va da giugno ad agosto 2012, presenta ricavi in aumento del 7% ed un utile netto pari a 3,622 miliardi di corone, pari a 427 milioni di euro, in crescita dell’1% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Peccato che le attese degli analisti indicassero una cifra di 3,94 miliardi di corone. Una delusione che ha avuto ripercussioni sul titolo in borsa, con perdite sensibili all’avvio della seduta di oggi. “Le vendite e gli utili del terzo trimestre – ha detto Persson in una nota – sono stati influenzati significativamente dagli effetti negativi della conversione delle valute. Inoltre, la congiuntura è rimasta difficile in molti mercati, a causa sia del clima molto caldo in agosto che delle misure di austerità che hanno ridotto i consumi”.

Tuttavia, nonostante le temperature che avrebbero scoraggiato gli acquisti, secondo il ceo di H&M, il gruppo “ha continuato a guadagnare quote di mercato” e ha accelerato l’espansione del marchio su scala mondiale, con l’obiettivo di 300 nuove aperture contro le 275 previste in precedenza.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.