Milano in rosso, ma resta la migliore d’Europa

Pubblicato da: MatteoT - il: 14-11-2012 18:31 Aggiornato il: 15-09-2018 10:01

Le Borse di tutto il mondo stanno vivendo dei giorni di difficoltà e di incertezza; gli investitori istituzionali preferiscono alleggerirsi ed anche gli indici Usa, dopo aver aperto con il segno verde, hanno imboccato subito la via dei rossi, trascinando al ribasso anche i listini europei.

Oggi Piazza Affari si è anche difesa bene, anche nella seduta odierna, infatti, il nostro indice principale ha sovraperformato gli omologhi del Vecchio Continente, pur non riuscendo a salvarsi dalla freccia rossa. E’ stata la debolezza dei titoli bancari e delle Banche Popolari a penalizzare il Ftse Mib che ha fatto registrare un – 0,52%.

Un risultato negativo anche per questo terzo trimestre, seppur decisamente migliore dei precedenti, non ha salvato dalle vendite Banca MPS (-5,14%) che si è adagiata su quota 0,2 euro, è questo un livello assolutamente da “tenere” per il titolo, sperando di potersi così riprendere perlomeno da qui a fine anno.

In forte calo anche la Banca Popolare di Milano (-3,38%) e la Bper (-3,10%), non che sia andata molto meglio al Banco Popolare (-2,82%) ed Ubi Banca (-2,38%). Le grandi banche, invece, sono state, solamente in parte, salvate da questi profondi rossi: Unicredit (-2,21%), Intesa (-1,75%) e Mediobanca (-1,65%) forse l’Istituto con le migliori prospettive per quanto riguarda quest’ultimo scorcio dell’anno.

Non solo banche; anche Mediaset, infatti, è crollato facendo registrare un – 2,90% dopo i conti che hanno evidenziato una perdita di 88 milioni di euro. Il rosso, per l’azienda della famiglia Berlusconi, è una novità assoluta. Mai l’azienda, infatti, aveva terminato un trimestre con una perdita d’esercizio. Ed a questo si aggiunge che anche l’intero esercizio terminerà in rosso, verosimilmente di 45 milioni di euro.

Hanno fatto decisamente bene, invece, le aziende appartenenti al settore delle utilities; A2A è salita del 4,06% con volumi decisamente significativi. Molto bene anche Enel, + 2,18%, Stmicroelectronics (+1,55%), mentre continua la progressione di Terna (+1,32%) naturalmente con obiettivo tre euro e Snam Rete Gas (+1,26%) che invece punta a quota 3,5 euro.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com