Ocse: previsioni negative per l’Eurozona e tagli dei tassi Bce a dicembre

Pubblicato da: MatteoT - il: 27-11-2012 21:59

Non lasciano molta positività le previsioni dell’Ocse per l’Eurozona. L’ente, infatti, ha rivisto al ribasso le previsioni economiche sulla maggior parte dei Paesi avanzati, parlando di una ripresa “esitante e diseguale” nei prossimi due anni.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

Presentando l’ultima edizione dell’Economic Outlook a Parigi, il segretario generale Angel Gurria ha ribadito che la crisi sui debiti costituisce il maggior fattore di rischio sulla ripresa mondiale, ma anche il “fiscal cliff” negli Usa ha un potenziale negativo.

Anche la Germania, da sempre considerata come la locomotiva d’Europa, subirà una brusca frenata tra il 2012 ed il 2013; l’organizzazione, infatti, ha tagliato la crescita tedesca allo 0,6% dal + 2% stimato in maggio 2012. Il Pil dell’area euro sara’ del +1,4% nel 2012, mentre il tasso di disoccupazione salira’ al 12%.

L’Ocse avverte poi l’Italia, che nonostante quanto dica il premier Mario Monti, potrebbe aver bisogno di “misure supplementari” sui conti pubblici per centrare i suoi obiettivi di risanamento, mentre ha consistentemente rivisto in peggio le sue previsioni su deficit e debito.

“Gli interventi sulla produttivita’ sono impressionanti, ma vanno costantemente implementati se si vogliono produrre risultati”, si legge nel report. Per questo motivo un inasprimento fiscale e’ auspicabile anche nel 2014 per risanare i conti.

Parlando della politica monetaria, invece, l’organizzazione è convinta che la congiuntura difficile spingerà la Bce e Mario Draghi ad un’ulteriore riduzione del costo del denaro nell’ordine di 25 punti base da realizzarsi nel mese di dicembre.

Discorso diverso per la Fed e la BoJ che non dovrebbero intervenire; l’istituto nipponico, però, dovrebbe aumentare le misure straordinarie di allentamento monetario facendo ricorso, fin tanto che l’inflazione non tornerà all’1%, ai programmi di Quantitative Easing.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading da mobile in sicurezza? Prova l'app AVATRADE GO con un conto demo gratuito.

Scopri di più
X
E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Investimenti

Investi con fiducia sulla piattaforma leader mondiale di  trading >>

Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP.

Unisciti alla rivoluzione del social trading di AvaTrade >>

Copia automaticamente gli investimenti dei trader piu’ esperti con  DupliTrade.

Ricevi $100.000 per fare pratica e migliorare le tue capacità di trading

Su ogni nuovo account AvaTrade verrà accreditato $100.000 in un portafoglio virtuale, che ti consente di fare pratica senza rischi.