Le Borse rallentano: pesano i timori sul fiscal cliff

Pubblicato da: MatteoT - il: 21-12-2012 21:51

Giornata non particolarmente brillante per le Borse del Vecchio Continente che, sulla scia delle brusche frenate nelle trattative tra Repubblicani e Democratici negli Usa sulla questione del fiscal cliff, rallentano e tornano ad avere un diffuso segno negativo, seppur non particolarmente pesante.

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

A Milano, Piazza Affari nell’ultima seduta prima di Natale ha ceduto lo 0,4%, Francoforte lo 0,47%, Londra lo 0,31%, Parigi lo 0,1%. Spread in leggera salita: il differenziale di rendimento tra Btp e Bund decennali si è portato sopra i 300 punti base rispetto ai 299 punti della chiusura di ieri. Il rendimento del Btp a 10 anni è al 4,44%.

Sul fronte valutario, l’euro è lieve calo a 1,3196 dollari da quota 1,3244 segnata ieri sera. Debole Wall Street alla chiusura delle piazze del Vecchio Continente, il Dow Jones cede l’1,1%, il Nasdaq l’1,4% come l’S&P 500.

Nel Vecchio Continente bisogna anche registrare anche una contrazione della stima per gennaio della fiducia dei consumatori. L’indice Dfk, infatti, scivola a 5,6 punti rispetto i precedenti 5,9: “La fiducia dei consumatori – si legge in un comunicato – continua a essere innervosita dalla crisi europea”.

Meglio, in Francia, l’indice sulla fiducia delle imprese salito a 89 punti in dicembre dagli 88 di novembre. In Gran Bretagna, invece, la crescita del Pil nel terzo trimestre è stata rivista a +0,9% trimestrale dal +1% annunciato in precedenza. Il dato, definitivo, è inferiore alle previsioni degli analisti, che avevano stimato una conferma della lettura iniziale.

Anche Tokyo, dopo l’ottimo inizio di settimana, rallenta e torna nuovamente al di sotto della soglia psicologica dei 10.000 punti; l’indice Nikke, relativo ai 225 titoli-guida, è arretrato dello 0,99% arrivando a 9.940,06 punti. Male oggi anche il Topix relativo all’intero listino, che a sua volta ha lasciato sul terreno 5,89 punti pari allo 0,70% per scendere infine a quota 832,72.

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.