Borsa: nonostante la crisi, ottime performance nel 2012. Ftse-Mib + 8,25%

Pubblicato da: MatteoT - il: 28-12-2012 20:56

Nonostante la crisi finanziaria abbia travolto gran parte dei listini, il 2012 in Borsa è andato decisamente bene. Piazza Affari, infatti, chiude il 2012 con indici in crescita e con un valore che torna a 364,1 miliardi di euro rispetto i 330 miliardi del 2011. La capitalizzazione delle società quotate passa al 22,5% del Pil.

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Il Ftse-Mib, infatti, ha fatto registrare un + 8,25%, l’All Share dell’8,74% e lo Star del 15,80%. Scende, invece, dalle 328 dell’anno scorso alle 323 attuali, il numero delle società quotate sui mercati di Borsa italiana.

Entrando nel dettaglio dei singoli titoli, possiamo notare come nel 2012 l’azione più scambiata a Piazza Affari sia stata Unicredit. Il titolo di Piazza Cordusio chiude l’anno con il maggior numero di scambi sia per quanto riguarda il controvalore (89,9 miliardi di euro), sia per i contratti (6,7 milioni).

In totale, nel 2012 gli scambi di azioni in Borsa Italiana hanno raggiunto una media giornaliera di 2 miliardi di euro e 228.456 contratti. Complessivamente sono stati scambiati 57,3 milioni di contratti e un controvalore di 503,2 miliardi di euro.

Il massimo giornaliero per controvalore scambiato è stato raggiunto il 15 giugno con 3,6 miliardi di euro, mentre il giorno 3 febbraio e’ stato raggiunto il massimo in termini di contratti (360.310).

Nei primi undici mesi del 2012, il mercato borsistico italiano si distingue in ambito europeo per la liquidità relativa delle proprie azioni, come evidenziato dal primato in termini di turnover velocity, l’indicatore che, rapportando il controvalore degli scambi telematici alla capitalizzazione, segnala il tasso di rotazione annuale delle azioni. La turnover velocity italiana è infatti pari a 145,6%.

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.