Il Giappone si rilancia: favorire la crescita e stoppare la deflazione

Pubblicato da: MatteoT - il: 11-01-2013 15:43

La Bank of Japan ha una nuova missione: far uscire il Giappone da anni di deflazione e di crescita singhiozzante e ridare slancio alla terza economia mondiale. Shinzo Abe, neo primo ministro, ha approvato un pacchetto di stimolo per l’economia da 170 miliardi di euro che dovrebbe dare un impulso del 2% del Pil e generare la creazione di 600 mila posti di lavoro.

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

Abe, poi, punta a far in modo che la crescita dell’occupazione possa essere un punto fermo della Boj – la Bank of Japan – dopo che il suo governo ha adottato il più inteso pacchetto di stimolo fiscale dall’inizio della crisi finanziaria. La Boj, infatti, dovrebbe adottare un target di inflazione del 2%, raddoppiando l’attuale target e considerando nuovamente una politica monetaria accomodante, un pò come avviene già in Europa con la Bce.

La bilancia corrente del Giappone, normalmente in attivo, è passata a un raro e deciso deficit a novembre, che ha aiutato a spingere lo yen a un minimo da due anni e mezzo sul dollaro e ha messo in luce la necessità di supportare l’economia mentre l’export è debole.

La ricetta di Abe per far uscire il Giappone da anni di deflazione e crescita a singhiozzo è una grande spesa pubblica e acquisti della banca centrale di debito, ci sono però rischi dato che il livello del debito pubblico giapponese è già tra i peggiori delle grandi economie mondiali.

La reazione dei mercati finanziari è stata immediata: la Borsa di Tokyo, nel giorno del varo della manovra da 170 miliardi di euro, è salita ai massimi degli ultimi due anni. L’indice guida Nikkei è avanzato dell’1,4% (148,93 punti) e chiuso a 10.801,57.

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.