Apple non è più la regina per capitalizzazione: primato per Exxon

Pubblicato da: MatteoT - il: 27-01-2013 11:00 Aggiornato il: 26-01-2013 14:49

La chiusura dei mercati di venerdì ha certificato per la Borsa di New York il raggiungimento della miglior striscia positiva settimanale dal 2004 a questa parte. Le trimestrali delle maggiori compagnie americane, insieme al voto positivo della Camera per far slittare a metà maggio lo sforamento del tetto del debito, hanno catalizzato l’attenzione degli investitori, che ripongono la loro fiducia nell’economia a stelle e strisce.

Eppure in questa situazione euforica sui mercati, c’è chi ha stonato. E non un’azienda qualsiasi, bensì quella che fino a due giorni fa era la più grande – o meglio, la più valutata – azienda del mondo. Apple. Dopo la diffusione di una trimestrale in crescita, ma ad un ritmo ben sotto le aspettative, le vendite si sono abbattute sulla società di Cupertino.

Il 23 gennaio il titolo Apple valeva 514 dollari, un livello ben al di sotto dei picchi dell’autunno, quando superò i 700 dollari e da più parti era iniziato il count-down per vedere lo storico superamento del traguardo dei 1.000 dollari ad azione. Da quel momento, però, le cose sono andate diversamente. Il rallentamento della crescita dei ricavi e soprattutto gli utili trimestrali di fatto invariati rispetto allo scorso anno (anche se alla ragguardevole soglia di 13 miliardi, sono cresciuti al ritmo più basso dal 2003) hanno deluso tutti.

Si è così interrotto un regno durato un anno circa, e lo scettro di compagnia dalla maggiore capitalizzazione è tornato alla società petrolifera Exxon. Alla chiusura di venerdì 25 gennaio, Wall Street valutava Apple 413 miliardi di dollari (meno di 440 dollari ad azione) ed Exxon 418 (91,7 dollari ad azione).

Il conto per il titolo della Mela, dai picchi di settembre, è di -37%: circa 245 miliardi di dollari di valutazione sono andati in fumo. Per intendersi, l’intero Ftse Mib, il paniere con le 40 società principali della Borsa Italiana, vale comunque ancora meno della metà di Apple. A pesare sulla valutazione e sulla performance economica di Apple è stata soprattutto la concorrenza agguerrita di un rivale come Samsung, primo produttore al mondo di smartphone con una quota del 39,6% di mercato nell’intero 2012 (contro il 25,1% di Apple). A preoccupare il numero uno di Apple, Tim Cook, sono state anche le scorribande di Google nel campo della telefonia, in particolare con il Nexus 7.

Il regno di Exxon, stando comunque alle previsioni degli analisti, non dovrebbe essere lungo. Nei prossimi dodici mesi il prezzo dei titoli Apple è visto infatti intorno a 627 dollari, per un valore di mercato complessivo di 589 miliardi, mentre la compagnia petrolifera tra un anno dovrebbe crescere fino a 434 miliardi (95 dollari per azione). Attualmente Exxon tratta a un livello di price/earning (rapporto tra il prezzo di mercato per singola azione e l’utile per azione) di 11,7 volte, mentre Apple – secondo i dati Bloomberg – è a quota 9,97. Tra le aziende comparabili nel campo tecnologico, da Hp a Lg, solamente Dell è ad un livello inveriore (8 volte). Samsung, che ha una valutazione di mercato di 193 miliardi, tratta a quota 10,24.

Fonte: repubblica.it/economia

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com