Fiat-Chrysler: fusione nel 2014

Pubblicato da: MatteoT - il: 03-02-2013 18:34

“In Cina abbiamo sbagliato la prima volta che ci siamo andati, più di dieci anni fa. E in un ambiente complesso come quello ci vogliono anni per recuperare”. Sergio Marchionne, ad del Lingotto, spiega che il gruppo Fiat ha oggi una “grandissima opportunità posizionando Jeep ma anche Maserati e Alfa Romeo”. “Il gruppo – ha quindi spiegato – punta sulla forza internazionale per aiutare la Fiat italiana”.

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Capitolo fusione: Marchionne ha le idee chiare rispondendo alla domanda sull’unione tra Fiat e Chrysler: “La faremo, credo di si, con Veba non è un contenzioso. Abbiamo due opinioni diverse sul valore di Chrysler ma risolveremo il problema entro il 2014”.

Per quanto riguarda la sede ed il nome della società, Marchionne risponde sul dove sarà posizionato il cuore pensante della Fiat: “Siamo un grande gruppo, presente in tutto il mondo, dipenderà dall’accesso ai mercati finanziari e dalle scelte della famiglia Agnelli”. Marchionne, interrogato poi sul nome che avrà la società, se Fiat o Chrysler, ha detto “non ci ho ancora pensato”.

Torino meglio di Detroit “Torino è una citTà che apprezzo, è bellissima. Con tutto il bene che voglio a Detroit non è Torino“. Lo ha detto Sergio Marchionne. “Torino – ha affermato – è parte di una casa che condivide con il resto del mondo”.

Chiusura con un messaggio ai lavoratori “Tutta l’attuale occupazione del gruppo Fiat è confermata. Ho preso l’impegno a portare tutti i lavoratori a casa”. Lo ha detto Sergio Marchionne. In 3-4 anni? Ha chiesto Ezio Mauro. “Anche più velocemente”, ha detto l’ad spiegando che il mercato Fiat per le vendite è il mondo.

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.