Bauli compra Bistefani

Pubblicato da: MatteoT - il: 11-02-2013 14:35 Aggiornato il: 11-02-2013 14:41

Il panettone si mangia i krumiri. E’ questo il riassunto dell’operazione che ha visto protagoniste la ditta Bistefani della famiglia Viale che è stata ceduta alla veronese Bauli. Questa acquisizione fa fare un salto di fatturato alla seconda che passa da 420 a 500 milioni di euro, andando ad assorbire 140 lavoratori.

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

bi stefani

La trattativa tra Bistefani e Bauli, dopo qualche mese di contrattazione, è stata resa ufficiale. Il gruppo Bauli vanta già alcuni prestigiosi marchi come Motta, Casalini e Doria Biscotti. Il passaggio di consegne è iniziato oggi. L’operazione consente di mantenere nel nostro Paese un pezzo importante del made in Italy nel settore dolciario, dando vita ad un gruppo da 1.100 addetti e da 500 milioni di euro di fatturato.

Top secret i termini dell’accordo, nel quale dovrebbero però rientrare i debiti – circa 35 milioni di euro – dello storico biscottificio casalese fondato dalla famiglia Viale nel 1955.

«Lascio ad un amico, Alberto Bauli, con il quale c’è un rapporto di stima da oltre vent’anni», commenta Alberto Viale, fino a ieri presidente della Bistefani Gruppo Dolciario, 75,4 milioni di ricavi nel 2011. Una azienda sana, con un prodotto di qualità, che paga la crisi della controllante, la Luigi Viale Spa, attiva anche nella grande distribuzione con il marchio Dimeglio.

I krumiri sono ormai conosciuti in tutto il mondo per quella forma «a manubrio» che ricorda i baffi di Vittorio Emanuele II, il primo re d’Italia morto nello stesso anno in cui nasceva la loro ricetta, il 1878. Prima di stilare il piano industriale del nuovo gruppo, e dare vita alle nuove sinergie, Bauli dovrà verificare gli assetti organizzativi interni.

Le sinergie, comunque, saranno notevoli e permetteranno alla multinazionale veneta di destagionalizzare la sua produzione, per metà legata ai prodotti (panettoni e colombe) da ricorrenza. Martedì Bauli sarà a Villanova Monferrato per incontrare le maestranze.

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.