Le Borse consolidano i rialzi di ieri

Pubblicato da: MatteoT - il: 06-03-2013 18:38

E’ stata una seduta di transizione quella odierna per le Borse; dopo i rialzi di ieri, che in America hanno portato a nuovi record azionari, i listini nella giornata odierna hanno chiuso perdendo qualche decimo di punto focalizzandosi, nuovamente, su dati macroeconomici che, soprattutto in Europa, mostrano una situazione decisamente non semplice.

Forex 10

A cominciare dal dato Eurostat sul Pil del Vecchio Continente che, nell’ultimo trimestre del 2012, è calato dello 0,6% congiunturale nell’Eurozona. Rispetto allo stesso periodo del 2011, il Pil è sceso dello 0,9% nell’Eurozona e dello 0,6% nell’Ue a 27 Stati. Nell’interno 2012 la crescita è così rallentata dello 0,6% nell’Eurozona e dello 0,3% nell’Unione.

Numeri cui fa il paio il documento di Bankitalia secondo cui due famiglie su tre non ritengono sufficiente il loro reddito per coprire le necessità di un mese. E secondo Jonathan Sudaria, trader londinese di Capital Spreads “tutto quest’ottimismo sui mercati non ha la stessa impronta caratteristica che si è vista nei picchi precedenti. I recenti rally sono ascrivibili agli stimoli economici delle banche centrali, mentre i fondamentali economici rimangono incerti e persiste un pesante scetticismo”.

In Europa, quindi, le piazze finanziarie non riescono a consolidare la positività di ieri; Londra lima uno 0,07%, Parigi cede lo 0,35%, mentre Milano arretra dello 0,47%. In controtendenza solo Francoforte che fa +0,62% (vicina al top dal 2008). A Piazza Affari tiene ancora banco la vicenda di La7 e la relativa vendita ad Urbano Cairo; oggi vendite per entrambi i titoli.

Alla chiusura delle Borse europee, è ancora positiva l’america con il Dow Jones che sale dello 0,2% sfiorando la quota 14.300 punti, mentre il Nasdaq cede lo 0,1% con Apple e Groupon che recuperano dopo le recenti perdite. Lo S&P, invece, avanza di un decimo di punto percentuale.

Nuova tensione sul fronte obbligazionario, con lo spread tra Btp e Bund decennali che si attesta a 320 punti. La differenza di rendimento fa si che il titolo di stato decennale italiano renda, sul mercato secondario, il 4,6%. Sul fronte dei cambi, l’euro tratta a 1,30059 dollari e 121,72 yen.

I timori legati alla crescita economica dell’Eurozona non hanno, invece, frenato le Borse asiatiche che, sulla scorta dei nuovi massimi “made in Usa” hanno fatto registrare ottimi profitti: Tokyo è balzata del 2,1%, Hong Kong dell’1,6%, Shanghai dello 0,9% e Sydney dello 0,8%.

Una nota a parte, quest’oggi, la merita il petrolio; dopo la morte, in nottata, di Hugo Chavez, tiene banco il destino del Venezuela e ciò porta la quotazione dell’oro nero a calare dell’1% sotto i 90 dollari al barile. Intanto, la compagnia petrolifera Usa Exxon Mobil prevede un calo del’1% della produzione di greggio e gas naturale nel 2013, a causa di una minore produzione di gas naturale.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
eToro
eToro OpinioniConto demo
IQ Option
IQ Option OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
ITRADER
ITRADER OpinioniConto demo
DUKASCOPY EUROPE
DUKASCOPY EUROPE OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com