Bce peggiora le stime, Borse caute

Pubblicato da: MatteoT - il: 07-03-2013 18:29

Il giorno della tanto attesa riunione della Banca centrale europea è arrivato, ma non ha portato nessuna sorpresa positiva o stravolgimento. I mercati, quindi, non hanno visto una particolare volatilità e mettono in atto una seduta prudente, visto che avevano già scontato la decisione di Francoforte di mantenere i tassi di interesse alle 0,75%.

Europa

Gli investitori non sono rimasti sorpresi dalle parole di Mario Draghi, che ha garantito che l’istituto da lui guidato proseguirà nella politica comodante dal momnto che l’inflazione è scesa. La ripresa, però, arriverà solamente a fine 2013. Per quest’anno, quindi, le attese sono ancora per un Pil negativo. Sul fronte del debito pubblico arrivano, invece, segnali di distensione dal Portogallo con S&P che ha migliorato l’outlook sul paese da “negativo” a “stabile”.

Le Borse, a seguito di queste previsioni non certo ottimistiche, sono riuscite comunque a chiudere in leggero rialzo. A Milano il Ftse-Mib ha guadagnato lo 0,3% e si è attestato di poco sotto la soglia psicologica dei 16mila punti, mentre Londra ha archiviato la seduta con un modesto + 0,18%. Sulla stessa linea Francoforte (+ 0,26%) e Parigi (+ 0,53%).

Positive le notizie che arrivano dal fronte obbligazionario, con lo spread tra Btp e Bund che scende a quota 310 punti, ai minimi del post-tornata elettorale in Italia. Il decennale del Belpaese, sul mercato secondario, rende ora il 4,5%. Segnali positivi anche dalla Spagna che fa il pieno in asta collocando sul mercato tutti i 5 miliardi di euro di titoli di Stato con scadenza 2015, 2018 e 2023 e con tassi in calo.

Passando invece agli Stati Uniti, possiamo notare come i sussidi settimanali di disoccupazione siano calati, a sorpresa, di 7 mila unità; dato decisamente migliore alle attese, che invece stimavano un + 11 mila unità. Non va così bene, invece, in Francia dove, nel quarto trimestre del 2012, il tasso di disoccupazione è arrivato al 10,2%.

Secondo l’ufficio nazionale di statistica, il numero di disoccupati è pari a 2,9 milioni: tra i giovani il tasso ha toccato il nuovo record al 25,7%, ovvero 730mila persone. Scende, invece, il tasso di disoccupazione in Grecia, che a dicembre si attesta al 26,4% dal 26,6% di novembre.

Nella mattinata odierna ancora segno positivo per Tokyo, con la Borsa nipponica che, pur restando sotto quota 12mila punti, ha archiviato con il segno più la sesta seduta consecutiva. Il Nikkei, con un balzo di tre decimi di punto percentuali, si attesta a 11.968,08 punti. La Boj ha così lasciato i tassi nella forchetta tra lo 0 e lo 0,1%, mantenendo un tasso nullo e non ha modificato le risorse destinate all’acquisto di attività finanziarie come i titoli del tesoro giapponese.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
eToro
eToro OpinioniConto demo
IQ Option
IQ Option OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
ITRADER
ITRADER OpinioniConto demo
DUKASCOPY EUROPE
DUKASCOPY EUROPE OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com