Apple: primo calo degli utili negli ultimi 10 anni

Pubblicato da: MatteoT - il: 24-04-2013 15:20

Non possiamo certo dire che Apple sia in crisi, ma sicuramente i risultati hanno ampiamente deluso le attese. Apple, infatti, continua a macinare utili su utili, ma per la prima volta negli ultimi 10 anni l’utile netto dell’azienda fondata da Steve Jobs è calato del 18% a 9,5 miliardi di dollari, a fronte degli 11,6 di un anno fa.

🥇Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

🥇Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

Forex 10

Al calo degli utili, tuttavia, non corrisponde una flessione dei ricavi (43,6 miliardi di dollari ed in aumento dell’11% rispetto ai 39,2 dell’anno scorso). I dati sono migliori delle attese degli analisti, che si aspettavano un utile di 9,97 dollari per azione e ricavi per 42,3 miliardi di dollari. Dati che hanno fatto fare un balzo avanti al titolo nelle contrattazioni after hour a Wall Street di quasi il 5%.

Inoltre Apple ha annunciato che riacquisterà azioni proprie per 60 miliardi di dollari e aumenterà il dividendo del 15%, precisando che il piano di buyback sarà aumentato dagli attuali 10 miliardi a 60 miliardi di dollari. L’estate scorsa la compagnia aveva iniziato a pagare dividendi e a riacquistare le proprie azioni.

“Siamo molto fortunati a essere nella posizione di poter raddoppiare l’ammontare del programma di ritorno del capitale annunciato lo scorso anno. Riteniamo che il riacquisto di nostre azioni rappresenti un buon modo di utilizzare il capitale” afferma l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, nell’occhio del ciclone per i risultati deludenti della società e per la forte pressione al ribasso dei titoli in Borsa. Le molte critiche avanzate nei confronti di Cook hanno spinto alcuni osservatori a ipotizzare una sua uscita: secondo alcune indiscrezioni, infatti, Apple avrebbe già avviato la ricerca di un nuovo numero uno.

Secondo quanto riporta il Wall Street Journal, il problema di Apple deriva più che altro dalla crisi azionaria che sta vivendo a Wall Street, dove viene trattata come un’azienda di hardware e non come un ibrido tra hardware e software.

“Apple è consapevole che la crescita sta rallentando”, mette in evidenza Cook durante la conference call per la presentazione dei risultati. “Siamo lieti di annunciare un fatturato record per il trimestre di marzo grazie alla continua forte performance di iPhone e iPad” afferma Cook, sottolineando come “i nostri team sono al lavoro su fantastici nuovi hardware, software e servizi, e siamo molto entusiasti dei prodotti nella nostra pipeline”.

Le ultime indiscrezioni parlano di una Apple che starebbe lavorando ad un iPhone low cost con relativo aggiornamento dell’iPhone 5: “La nostra generazione di cash rimane molto forte, con oltre 12,5 miliardi di cash flow generato dalle operation nel corso del trimestre, con un cash balance finale di 145 miliardi di dollari”, precisa il chief operating officer, Peter Oppenheimer.

Apple nel secondo trimestre ha venduto 37,4 milioni di iPhone, in aumento rispetto ai 35,1 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente. Gli iPad venduti sono stati 19,5 milioni a fronte degli 11,8 milioni del 2012.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Turbo24, i primi certificati turbo quotati H24 al mondo, barrier, vanilla options e CFD...

Scopri di più
X
E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74/89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

 

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

 

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19