Apple e l’iBond: record di collocamento

Pubblicato da: MatteoT - il: 01-05-2013 15:00 Aggiornato il: 01-05-2013 11:37

Quella di Apple è la prima emissione di debito dal lontano 1996. Il collocamento dei, come già ribattezzati dalla stampa mondiale, iBond, è stato curato da Goldman Sachs e Deutsche Bank. L’obiettivo è quello di finanziare almeno in parte i 100 miliardi di dollari che l’azienda di Cupertino si è impegnata, con molta generosità, a restituire agli azionisti.

azioni

Il valore complessivo è di 17 miliardi di dollari, di cui tre a tassi variabili e 14 a taso fisso, con scadenza che vanno dai tre ai trenta anni. Apple, con questa emissione, batte anche il record per i titoli a debito emessi a livello mondiale; in precedenza lo scettro era detenuto da Roche con 16,5 miliardi di dollari e da France Telecom con 16,4. Le richieste sull’order book hanno toccato una quota astronomica 50 miliardi.

Sono sei le tranche in cui è programmata l’emissione obbligazionaria; a tasso variabile con scadenza 2016 e 2018 ed a tasso fisso con scadenza nel 2016, 2018, 2023 e 2043. La raccolta, poi, consentirebbe ad Apple di evitare tasse sul rimpatrio dei capitali: all’estero la casa madre di iPhone e iPad conta 102,3 miliardi di dollari di fondi.

La disponibilità di cash che Apple può vantare, pari a 145 miliardi di dollari, è superiore alla liquidità combinata delle aziende americane con rating tripla A. Eppure il gruppo guidato da Tim Cook ha ottenuto da Moody’s ed S&P’s soltanto un giudizio Aa1 e AA+. Gruppi come Microsoft, Johnson & Johnson, Exxon Mobil e Automatic Data Processing hanno invece la tripla A da entrambe le agenzie.

Un esperimento simile l’ha già sostenuto, nella scorsa settimana, Microsoft che ha collocato obbligazioni per 1,95 miliardi pagando il 2,4% sul decennale, praticamente 70 punti base in più del Treasury americano. Apple, scontando il suo rating inferiore, dovrà accontentarsi di pagare qualcosa di più del rivale. Dai 55 punti base rispetto ai titoli di stato (contro i 32 di Microsoft) sulla scadenza quinquennale ai 90-95 su quella decennale.

Intanto il miliardario Alisher Usmanov ha comprato una partecipazione in Apple da 100 milioni di dollari. Ricorda Cnbc che la mossa segue il calo di circa il 40% del titolo Apple dai suoi massimi storici toccati a settembre. Usmanov, quindi, è convinto che il produttore di iPhone e iPad possa continuare a soprendere anche dopo la morte di Steve Jobs.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com