I risparmiatori resistono alla paura: solo l’8% sono del parere di dar via azioni, fondi e obbligazioni

Pubblicato da: Luca M. - il: 07-10-2008 6:05

I risparmiatori italiani resistono al panico della crisi dei mercati e delle borse mondiali e per l’87% non è l’ora di vendere azioni, fondi e obbligazioni per assicurarsi la propria liquidità.

Nonostante le notizie battenti sul crollo dei mercati finanziari, l’87 per cento dei risparmiatori che hanno investimenti, intervistati da Ipr Marketing nel sondaggio effettuato per Repubblica.it, ritiene che non sia il momento giusto per vendere i propri titoli, e che sia meglio “rimanere in attesa”.

Un terzo degli intervistati (il 32 per cento) ha investimenti in azioni, obbligazioni o fondi azionari. Un numero di risparmiatori rilevante, soprattutto al Nord dove la percentuale sale al 37. E ha ovviamente paura, ma non tanto da agire subito: l’opzione “vendere e recuperare liquidità” viene scelta da appena l’8 per cento degli intervistati.

Vendere e investire su altri comparti, per esempio gli immobili, è una buona idea soltanto per il 2 per cento degli intervistati, mentre il 3 per cento si dichiara “senza opinione”. Le percentuali cambiano un po’ se si dividono gli intervistati per area di residenza. Infatti al Sud e nelle Isole il 90 per cento degli investitori ritiene che sia meglio aspettare e vedere che piega prenderanno gli eventi, mentre al Centro tale percentuale scende al 74, e di contro, sempre al Centro, sale al 15 la percentuale di chi ritiene che sia opportuno vendere per recuperare liquidità.

Più preoccupazione al Centro, dunque, ma anche più nervosismo tra i giovani. Infatti la percentuale di chi non intende vendere il proprio pacchetto titoli scende al 76 per cento degli intervistati di età non superiore a 34 anni, mentre gli adulti (persone comprese tra i 35 e i 54 anni) si dichiarano al 93 per cento dell’idea di “rimanere in attesa”. Solo il 3 per cento degli adulti è inoltre per lo smobilizzo dei titoli, contro il 12 per cento dei giovani (che sale al 13 se si considera anche chi venderebbe per investire in immobili) e l’11 per cento degli anziani.

Al contrario, gli adulti si mostrano un po’ più orientati dei giovani verso un’eventuale vendita dei titoli finalizzata a un investimento immobiliare (4 per cento contro l’1 per cento dei giovani). Guardando alle aree territoriali, esprime una preferenza leggermente superiore per l’investimento mobiliare il Nord (3 per cento contro l’1 del Centro e del Sud).

Il sondaggio è stato effettuato ieri, 6 ottobre (giornata nella quale le Borse europee hanno bruciato 450 miliardi), attraverso un panel di 1.000 cittadini residenti in Italia, disaggregati per sesso, età ed area di residenza.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com