Aste titoli di Stato: ricominciano a salire i rendimenti

Pubblicato da: TommasoP - il: 28-02-2019 9:26

Secondo quanto affermato dal Ministero del Tesoro si è proceduti ad assegnare i nuovi asset legati ai titoli di Stato. Si è già registrato un tutto esaurito per le aste. Si registrano invece delle informazioni negative in merito ai rendimenti; tutti i bond governativi, infatti, emessi hanno visto un incremento degli yield sui precedenti collocamenti.

btp-bond-rendimenti-negativi-638x342

Cosa sono i titoli di stato

Aste titoli di Stato: ricominciano a salire i rendimenti

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

E’ stato il ministero del Tesoro a pubblicare l’esito delle audizioni in programma per ieri mattina e che avevano come oggetto il collocamento dei BTP a 5 e 10 anni e dei CCTeu al 15 gennaio 2025.

Nello specifico, abbiamo riportato che l’asta dei BTP a 5 anni con scadenza al primo ottobre 2023 (codice ISIN IT0005344335) e coupon al 2,45%, sono stati collocati tutti 2 miliardi di euro offerti dal Tesoro.

La domanda è stata pari a 2,923 miliardi di euro, con un rapporto di copertura tra ammontare richiesto dagli investitori e quantitativo offerto pari a 1,46.

Il bid-to-ask ratio in questione è il più alto dal mese di Ottobre 2018.

Il prezzo di emissione è stato pari a 103,82 e prevede come tale un rendimento lordo all’1,59%, dato che risulta in crescita se invece confrontato con la precedente asta del 30 gennaio 2019.

Per quanto riguarda invece i titolo di Stato per antonomasia, possiamo notare come i BTP a 10 anni con scadenza al primo agosto 2029 (ISIN IT0005365165) sono stati collocati ieri mattina ed hanno fatto registrare già il tutto esaurito. Il prezzo medio dell’emissione è uguale a 101,85 e il coupon è al 3%.

In questo caso, le domande di richiesta sono state pari a 5,24 miliardi di euro e sono stati collocati tutti i 4 miliardi di euro che il Tesoro intendeva offrire con un rapporto di copertura a 1,31, ai livelli più bassi da giugno 2018.

L’asta di ieri del decennale italiano ha visto invece salire i rendimenti al 2,81%; la precedente emissione invece, quella del 30 gennaio attestava un fattore del 2,60%. Sul fronte CCTeu con scadenza al 15 gennaio 2025 (codice ISIN IT0005359846), l’asta invece si è conclusa con l’assegnazione di 1,25 miliardi di euro di titoli.

Si tratta delle emissione che hanno visto una richiesta degli investitori internazionali pari a 2,026 miliardi di euro, facendo registrare un rapporto bid-to-cover a 1,62. Lo yield si attesta all’1,83%, in crescita rispetto all’1,65% del precedente collocamento.

Dettagli e approfondimenti su come investire in Titoli di Stato li potete trovare su: Investire in Titoli di Stato Conviene? Guida all’investimento in BoT – CTz – CCT – BTP – Eurobbligazioni

Se invece volete investire in un settore che sia molto più redditizio, ma allo stesso tempo siete disposti a concedervi qualche rischio in più, allora potete optare per investire con il trading online che prevede la possibilità di investire certamente capitali minori ma che hanno rendite maggiori ma con rischi maggiori.

In questo caso si potrebbe optare per scegliere uno dei broker in fondo riportati che permettono di effettuare investimenti in borsa e su tantissimi asset con capitali ridotti. Ad esempio si potrebbe optare per investire e fare trading con IQ Option che prevede un deposito minimo di 10 € o anche eToro dal deposito un po’ più alto e pari a 200 € ma che vi permette di investire ed operare con il social trading e di copiare i trader più esperti grazie al sistema di copy trader.

Apri il tuo conto demo gratuito ed illimitato su eToro

Informazioni sull'autore

TommasoP

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.