L’Iran vuole boicottare Euro e Dollaro

Pubblicato da: MatteoT - il: 11-08-2010 2:35

Come ritorsione per le sanzioni economiche occidentali, l’Iran starebbe pensando di cessare ogni attività commerciale in dollari o in euro, comprese le proprie esportazioni di petrolio. E’ questo l’annuncio dato dal primo vicepresidente iraniano Mohammad-Reza Rahimi: “Faremo uscire il dollaro e l’euro dal nostro paniere di valute e li sostituiremo con il rial e qualunque altra valuta di Paesi che accettano di cooperare con noi.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

“Queste valute (dollaro ed euro, ndr) sono sporche, e non venderemo più il nostro petrolio in dollari o in euro”, ha aggiunto Rahimi, senza però precisare come l’Iran abbia intenzione di procedere per raggiungere questo obiettivo, in particolare per le esportazioni o importazioni petrolifere del Paese, secondo esportatore dell’Opec in un mercato predominato dal dollaro.

Rahimi ha d’altra parte affermato che la repubblica islamica limiterà i suoi acquisti dall’Unione europea, che hanno rappresentato nel 2009 il 27% (11,4 miliardi di euro) delle importazioni iraniane, secondo le statistiche ufficiali dell’Ue. L’Iran interromperà, in particolare, le importazioni europee di prodotti alimentari, come il grano e la soia, e lancerà un programma per produrre localmente tutti “gli strumenti e pezzi di ricambio complessi” che acquista attualmente in Europa.

Un programma che “richiederà del tempo”, ha riconosciuto Rahimi, ma in seguito “non saremo più dipendenti dagli occidentali”. Stati Uniti e Ue hanno adottato a luglio nuove e rigorose sanzioni economiche contro l’Iran, sospettato malgrado le smentite di cercare di dotarsi dell’arma nucleare.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.