“Cedere l’Alfa? Per 20 miliardi ci penso”

Pubblicato da: MatteoT - il: 18-11-2010 8:21

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

E’ da diverse settimane che si paventa l’ipotesi di una possibile e futura cessione dell’Alfa Romeo; l’amministratore delegato della Fiat ha così risposto, a margine di un party organizzato da Chrysler per lanciare la Fiat 500 in Nord America: «L’Alfa Romeo non è in vendita ma se si presentassero con un assegno da 20 miliardi mi siederei al tavolo».

Marchionne ha anche puntualizzato che non è vicina una fusione tra l’anima americana e quella italiana del gruppo: «Non ho mai detto che avremmo fuso» Fiat e Chrysler, ha detto l’ad. Fiat, dunque, non ha mai detto che ci sarà una fusione con l’azienda americana, ma questa resta una delle «possibili strade percorribili» nel futuro del Lingotto. «È una delle possibilità – ha spiegato Marchionne – come la possibilità di monetizzare una parte della Ferrari, una parte della Magneti Marelli. Sono tutte cose possibili, ma non abbiamo deciso di fare niente».

Successivamente alla presentazione della 500 negli Usa Marchionne ha parlato anche della fabbrica italiana di Mirafiori: «L’obiettivo è quello di fare una proposta per Mirafiori che spero si concluderà prima di Natale perchè ovviamente non possiamo più aspettare. Siamo arrivati agli sgoccioli: continuo a dire a tutti quanti che il tempo corre e che noi dobbiamo investire per andare avanti. Se riusciamo a trovare le condizioni per farlo e garantirci la governabilità degli stabilimenti in Italia lo facciamo. Se non ci vogliono ce lo dicano, non è una minaccia ma sfortunatamente dobbiamo produrre. La 500 che vedete qui non ha avuto un minimo di intoppo a livello sindacale: è stata lanciata nei tempi previsti e con gli stessi costi. Questo tipo di affidabilità deve iniziare a scaturire anche in Italia. La Fiat è impegnata a portare avanti il discorso vediamo dove ci porta».

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.