Aicon affonda in Borsa: rischia la chiusura

Pubblicato da: MatteoT - il: 17-12-2010 13:07

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Aicon sta vivendo giorni pesantemente burrascosi in Borsa; è di soli due giorni fa la chiusura a picco a – 9,52%; il gruppo messinese specializzato in yacht di lusso aveva da poco annunciato un aumento di capitale fino al 10% con esclusione del diritto di opzione.

L’aumento di capitale, si legge in una nota, sarà deliberato non appena la società di revisione si sarà espressa sui criteri di terminazione del prezzo di emissione ed è garantito fino all’importo di 3,2 milioni dall’azionista di maggioranza di Aicon.

Il gruppo versa in acque decisamente perigliose. Il cda ha approvato il bilancio 2009-2010, che si è chiuso con un risultato netto negativo per 31,1 milioni (-16,9 milioni l’anno precedente) e ricavi in flessione a 11,5 milioni (33,82 milioni l’anno scorso).

La situazione è complessa, tanto che il consiglio di amministrazione ha dovuto dichiarare che “sussiste una rilevante incertezza che può far sorgere significativi dubbi sulla capacità del gruppo e della società di continuare a operare sulla base del prespposto della continuità aziendale“.

Tuttavia Aicon ritiene di avere margini per risalire la china e di poter andare avanti: tra l’aumento di capitale e le altre misure intraprese, il gruppo infatti “ritiene opportuno continuare ad adottare il presupposto della continuità aziendale”

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.