Fastweb: bilancio in rosso e addio Borsa

Pubblicato da: MatteoT - il: 18-02-2011 3:20

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

La concorrenza nel settore delle telecomunicazioni si fa sempre più agguerrita e Fastweb ne risente; i conti per il 2010 sono stati negativi per quella che è stata considerata la più innovativa società del settore; dopo l’Opa lanciata dalla controllante Swisscom, Fastweb si ritirerà dalla Borsa entro il 22 marzo.

Risultati che nonostante la crescita del numero di abbonati evidenziano un risultato negativo all’ultima riga, con un rosso raddoppiato rispetto alla stagione precedente.

Il calo delle tariffe dovute alla concorrenza e la crisi dei consumi si fa sentire anche sul fatturato, in calo del 3% nell’ultimo trimestre (+1,5% su base annua). Una pressione che si fa sentire anche sui margini: sarebbero in rialzo del 4,5%, ma calcolati al netto dello stanziamento per accantonamenti nel fondo rischi per 70 milioni. Di conseguenza, il risultato negativo dell’anno è di 72,4 milioni, in crescita rispetto alla perdita di 34,4 milioni del 2009. La posizione finanziaria netta al 31 dicembre è pari a 1,6 miliardi di euro, contro 1,53 miliardi nel terzo trimestre 2010.

Dati che, come si vede, sono solo in parte compensati dall’incremento dei clienti: a fine 2010 sono saliti a 1,72 milioni, con un +4,9% rispetto all’anno precedente, con un quota di mercato del 20%. In netta crescita, invece, i clienti della telefonia mobile “virtuale”: a fine anno sono diventati 368mila, con un rialzo del 75%

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.