Lloyds: rosso da 3,2 miliardi di sterline

Pubblicato da: MatteoT - il: 05-05-2011 7:01

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Le perdite nel primo trimestre dell’anno, per Lloyds Tsb e cioè il maggior istituto retail del Regno Unito, ammontano a 3,2 miliardi di sterline; il numero è la risultante di partite straordinarie che hanno impattato il buon andamento corrente dell’istituto posseduto dal 41% dal Tesoro.

È una vicenda complessa che si è sbloccata quando un verdetto del tribunale ha messo in dubbio la tesi delle banche inglesi, che speravano di non dover far fronte alle eventuali richieste di indennizzo da parte clienti per polizze piazzate con procedure equivoche. Lloyds ha agito subito indicando in 3,2 miliardi il montante a rischio, una cifra molto superiore – più del doppio – delle attese degli analisti, ragione per cui il titolo ha perduto il 5,6% all’avvio della contrattazioni.

Ad aggravare il quadro del gruppo si sono aggiunte sofferenze per almeno 1,1 miliardi di sterline ancora collegate alla bolla immobiliare irlandese. Lloyds lo ricordiamo è fortemente esposta a Dublino.

Al netto di queste e altre partite straordinarie Lloyds ha fatto registrare utili di 284 milioni nel primo trimestre dell’anno e una solida capacità di raccolta. Il gruppo nei prossimi mesi si dovrà sottoporre a una massiccia cura dimagrante con la cessione di centinaia di agenzie e filiali in ottemperanza alle norme Ue scattate dopo l’aiuto pubblico che Lloyds ha ricevuto per riuscire a navigare la crisi del credito.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.