Donne più potenti al mondo: Marina Berlusconi 12esimo

Pubblicato da: MatteoT - il: 29-09-2011 12:16

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

La presidente di Fininvest, Marina Berlusconi, è stata inserita dalla rivista americana Fortune, tra le 50 donne più potenti al di fuori degli STati Uniti, in ambito imprenditoriale e manageriale. La Berlusconi è l’unica italiana in classifica e si piazza al 12esimo posto, lo stesso occupato l’anno precedente.

Irene Rosenfeld, l’amministratore delegato di Kraft Foods, è la donna manager più potente degli Stati Uniti, sempre secondo la classifica di Fortune. Marina Berlusconi, presidente di Fininvest, è l’unica italiana e si piazza al 12mo posto.

Ecco la top-15 delle donne manager più potenti fuori dagli Stati Uniti:

1 – Cynthia Carroll (Anglo American)
2 – Gail Kelly (Westpac)
3 – Marjorie Scardino (Pearson)
4 – Barbara Kux (Siemens)
5 – Chanda Kochhar (ICICI Bank)
6 – Guler Sabanci (Sabanci Holding)
7 – Maria Ramos (Absa Group)
8 – Sock Koong Chua (Singapore Telecommunications)
9 – Ornella Barra (Alliance Boots)
10 – Annika Falkengren (SEB)
11 – Ho Ching (Temasek)
12 – Marina Berlusconi (Fininvest)
13 – Nancy McKinstry (Wolters Kluwer)
14 – Ana Patricia Botin (Santander)
15 – Dominique Reiniche (Coca-Cola)

Ecco di seguito la classifica delle 10 donne più potenti degli Stati Uniti:

1 – Irene Rosenfeld (Kraft Foods)
2 – Indra Nooyi (PepsiCo)
3 – Patricia Woertz (Archer Daniels Midland)
4 – Ellen Kullman (DuPont)
5 – Angela Braly (Wellpoint)
6 – Andrea Jung (Avon Products)
7 – Ginni Rometty (IBM)
8 – Ursula Burns (Xerox)
9 – Meg Whitman (Hewlett-Packard)
10 – Sherilyn McCoy (Johnson & Johnson)

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.