Eni: 1,35 miliardi di bond ai risparmiatori

Pubblicato da: MatteoT - il: 05-10-2011 13:13

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

La campagna di collocamento del prestito al pubblico di Eni si è chiusa e, nonostante lo scenario proibitivo, si è chiusa “bene, ma non benissimo”. Il gruppo si era detto disponibile a raccogliere da uno a 2 miliardi di euro, ha fissato l’offerta a 1,35 miliardi di euro; la pecca è il tempo: tre settimane per raccoglierli e niente fila miliardaria come successo in passato.

I dati ufficiali ed il rendimento lordo delle obbligazioni si conoscerà solamente nelle prossime ore; le prime indiscrezioni parlano di sottoscrizioni per 1,1 miliardi per il titolo a tasso fisso e solo di 200-250 milioni per quelle a tasso variabile.

La cedola pagata da Eni sarà a sei anni e verrà definita in una cedola compresa tra i 180 ed i 280 punti base più il tasso mid swap, pari circa al 2%, sarà comunque difficile battere il Btp pubblico, che con condizioni e scadenze simili paga un rendimento del 5,15%.

Secondo gli operatori del mercato delle emissioni, sarà difficile che Eni conceda un bis rivolto agli investitori professionali. Come pure Enel, che aveva in agenda emissioni del genere. “Con questi scenario di mercato – aggiunge il banchiere d’affari – è probabile che anche i migliori emittenti corporate italiani preferiranno aspettare l’anno nuovo, e tempi migliori“.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.