Volano gli utili di Bmw e Mastercard

Pubblicato da: MatteoT - il: 03-11-2011 8:40

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Il numero uno mondiale delle auto di lusso, Bmw, ha messo in archivio un terzo trimestre superiore alle attese degli azionisti, soprattutto grazie alla domanda del Suv X3 e delle berline della Serie 5. L’Ebit è cresciuta del 44% a 1,72 miliardi di euro da 1,19 miliardi un anno fa. Il dato è superiore alle attese degli analisti interpellati da Bloomberg (1,58 miliardi).

L’utile operativo di Bmw auto è sceso all’11,9% del fatturato dal record messo a segno nel secondo trimestre (14,4%) a causa della flessione delle vendite delle vetture delle Serie 1 e 3 in via di sostituzione con modelli di ultima generazione.

Bmw conferma che fatturato e utile del 2011 saranno “significativamente superiori” a quelli dello scorso anno. Secondo il chief executive officer Norbert Reithofer, la principali ragioni dei risultati vanno ricercate “nella forte domanda a livello mondiale e dai considerevoli miglioramenti sul fronte dell’efficienza”.

Nello stesso periodo anche Mastercard ha ottenuto risultati d’oro: terzo trimestre chiuso con utili in crescita del 38% e 717 milioni di dollari. A spingere i conti del gruppo sono l’aumento delle spese dei consumatori attraverso carte di credito e di debito.

La crisi spinge sempre più persone a comprare, sempre più spesso, a debito. Per la gioia di chi gestisce carte di credito e sistemi di pagamento.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.