Scaroni (Eni): “Pronti a valorizzare Snam”

Pubblicato da: MatteoT - il: 30-12-2011 14:14

Il percorso che ha condotto alla separazione funzionale di Snam si è concluso ed, ora, Eni può guardare “a questo importante asset senza pregiudizi. Potremmo immaginare un disinvestimento a patto di poterlo valorizzare la meglio”.

A dirlo è l’amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, in un’intervista a “Il Sole 24 Ore” in cui afferma che la per la società del Cane a sei zampe si valuta “ogni opportunità di valorizzazione”.

Per quanto riguarda i contratti take-or-pay nel settore gas Scaroni precisa che “non sono una spina nel fianco ma il modo tradizionale per acquistare il gas a lungo termine”. Dopo gli accordi raggiunti con la Libia e con l’Algeria, il negoziato con Gazprom ora in corso “non è facile” e anche il manager confida in una soluzione “entro i primi mesi dell’anno”.

Per quanto concerne l’Africa, l’Eni ha appena concluso un anno “eccezionale”, ma ci sono anche “la Russia, l’area del Pacifico, l’Australia e Indonesia, dove – afferma Scaroni – contiamo di arrivare per la fine del decennio a 200mila boe al giorno”.

Fiducia sul capitolo Libia. L’ad di Eni è convinto che la piena capacità produttiva verrà raggiunta entro giugno 2012: “Si tratta solo di risolvere alcuni problemi tecnici – dice Scaroni -. In ogni caso siamo già soddisfatti di aver recuperato l’80% della produzione: nessuna altra compagnia ci è riuscita”.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com