Integrazione Fiat-Chrysler: al 50% entro fine 2012

Pubblicato da: MatteoT - il: 16-01-2012 18:04

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

La Fiat ha deciso di accelerare i tempi di una possibile e futura fusione con Chrysler. L’integrazione, oggi al 20%, si prevede che possa arrivare al 50% entro la fine del 2012. È quanto emerge da una presentazione agli investitori in un seminario organizzato da Bank am Bellevue nel fine settimana in Svizzera, al quale ha partecipato Sergio Marchionne.

Nella presentazione il gruppo Fiat-Chrysler conferma le previsioni di bilancio del 2011: ricavi oltre 58 miliardi di euro, utile netto di 1,7 miliardi, utile della gestione ordinaria superiore a 2,1 miliardi, debito netto industriale tra 5 e 5,5 miliardi e una liquidità complessiva di oltre 18 miliardi di euro.

Fiat Industrial, società nata dallo scorporo dal Lingotto ed a cui fanno capo le macchine per l’agricoltura e le costruzioni di Cnh, i camion Iveco ed i motori di Fpt Industrial, ha ricavi attesi a 24 miliardi ed un utile della gestione ordinaria tra 1,9 e 2,1 miliardi di euro.

Fiat Industrial (62mila addetti) è stato definito da Marchionne «un leader globale a livello di scala, obiettivo e dimensione con un forte portafoglio di brand», 68 impianti in totale, di cui 25 in Europa, 16 in Italia, 11 in Nordamerica, 8 nel Mercosur e altri 8 nel resto del mondo e 55 centri di ricerca e sviluppo.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.