Unicredit sempre più araba: Abu Dhabi sala nell’azionariato

Pubblicato da: MatteoT - il: 17-01-2012 21:24

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Dopo l’annuncio che il fondo Aabar di Abu Dhabi intende salire dal 4,99% attuale al 6,5% a seguito dell’aumento di capitale da 7,5 miliardi di euro, il titolo Unicredit accelera in Borsa.

Il titolo bancario 1, che aveva aperto bene le contrattazioni in linea con il resto del settore, si è rafforzato dopo la nota dell’investitore sovrano arabo, in cui il presidente di Aabar, Khadem al Qubaisi, ha spiegato le sue strategie: “Questo investimento aggiuntivo in Unicredit conferma il nostro supporto alla banca e al management”.

Aabar ritiene “che il successo dell’attuale aumento di capitale aiuterà a rafforzare la base patrimoniale di unicredit e porterà un outlook più positivo per il futuro”.

Il fondo sovrano, tramite la controllata Aabar Luxembourg, è già azionista con la massima quota possibile (senza limitare i diritti di voto, come prevede lo statuto Unicredit) dalla metà del 2010, quando rastrellò azioni investendo circa 1,8 miliardi di euro per diventare socio di peso nella banca allora guidata da Alessandro Profumo.

L’incremento attuale renderebbe Aabar il primo socio della banca, con possibili ricadute sulla sua struttura manageriale di vertice, che insieme al cda è da rinnovare in primavera.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.