Hsbc: utili in crescita del 27%

Pubblicato da: MatteoT - il: 27-02-2012 18:38

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Hsbc ha archiviato il 2011 con un utile netto positivo del 27% a 16,8 miliardi di dollari in rialzo sia rispetto ai 13,2 miliardi di un anno fa, sia rispetto alle stime ed alle attese degli analisti. La performance è legata alla decisa crescita registrata dalla sua forte presenza sui mercati asiatici.

La divisione dedicata all’investment banking chiude con utili in calo del 24% a 7 miliardi di dollari, mentre quelli anteimposte della succursale americana sono crollati del 78% a circa 100 milioni di dollari. In crescita del 2,3% e dell’8,6% rispettivamente gli utili delle divisioni di Hong Kong, il principale mercato asiatico del gruppo, e in Europa. Bene anche l’America Latina e il Medio Oriente.

All’Ad del gruppo, Stuart Gulliver, viene elargito un bonus annuale da 2,15 milioni di sterline, meno della metà dei 5,2 incassati l’anno prima quando era alla guida della banca di investimenti del gruppo.

l manager però ha anche visto triplicarsi lo stipendio annuo da 1,25 milioni di sterline nell’ottica di un piano di incentivi a lungo termine. Nel complesso, quindi, Gulliver ha ricevuto 7,16 milioni contro gli 8,35 milioni del 2010.

La banca britannica nell’esercizio dello scorso anno ha beneficiato dei primi risultati di un vasto piano che si sta traducendo nella cessione di alcuni asset in paesi considerati non più strategici e nel taglio di circa 30mila posti di lavoro.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.