Ti Media: un buco ‘rosso’ sempre più grande

Pubblicato da: MatteoT - il: 21-03-2012 16:07

Il rosso di Telecom Italia Media non ha freni; Ti Media paga le svalutazioni su Mtv e Tim Broadcasting e decide di rinviare l’esame del piano industriale al 2014: “Il cda di Ti Media – si legge in una nota – ha approvato gli obiettivi di budget per l’anno 2012 riservandosi di esaminare in successiva riunione i target 2013 e 2014 in corso di approfondimento di concerto con l’azionista di controllo”, Telecom Italia.

Il gruppo, guidato da Giovanni Stella, chiude l’esercizio 2011 con perdite per 83 milioni di euro; rosso in crescita rispetto ai 54,4 milioni di un anno fa. A pesare sull’ultima riga di bilancio sono le svalutazioni per complessivi 56,7 milioni relativi a Mtv e all’operatore di rete Timb: rispettivamente 13,6 e 43,1 milioni.

L’operatore di rete ha registrato anche un calo dei ricavi di circa 22 milioni (in discesa di 11 milioni l’ebitda) a causa del fallimento di Dahlia Tv, principale affittuario della banda. Il calo del fatturato a 238 milioni di euro era già stato annunciato con la comunicazione dei dati preliminari lo scorso 21 febbraio. 2

Per quanto riguarda la raccolta pubblicitaria del primo trimestre 2012 per La7, il gruppo “conferma sostanzialmente il buon andamento dello scorso”. Dopo il +32% dello scorso anno, Stella si attende per La7 “un incremento nel 2012 del 15% della raccolta pubblicitaria. Faremo di tutto per ottenere questi risultati”, ha affermato il manager.

Credo che l’audience de La7 aumenterà (oggi al 3,9% con un obiettivo oltre il 4,2% per il 2012) e la concessionaria Cairo sta lavorando ottimamente per la raccolta vendendo pubblicità oltre lo share. Gli investitori – ha aggiunto con un calcolo ipotetico e a ritroso partendo dal valore della raccolta – ci attribuiscono uno share del 5 per cento”.

Ti Media prevede inoltre un “ridimensionamento dei ricavi del canale principale di Mtv con conseguente necessità di ristrutturare il canale stesso e di proseguire nel percorso di efficientamento dei costi”. Per Tim Broadcasting il gruppo vede un “incremento dei ricavi e della redditività” in seguito alla già raggiunta piena occupazione di banda digitale dei multiplex e il completamento del processo di digitalizzazione della rete in coerenza con le tempistiche del calendario dello switch off“.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com