Unipol: raccolta danni stabile. Il Vita cede il 9% a marzo 2012

Pubblicato da: MatteoT - il: 01-05-2012 16:41

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

Il primo trimestre del 2012 ha visto Unipol registrare una raccolta premi, nel comparto danni, pari ad un miliardo di euro; tale valore è in crescita dello 0,7% rispetto al primo trimestre dello scorso anno. Invece, la raccolta del ramo vita ha registrato un calo di 9 punti percentuali a 580 milioni di euro.

Per quanto riguarda Unipol assicurazioni, il numero delle denunce registrate da RcAuto è calato dell’11,8%, mentre la velocità di liquidazione ha registrato una crescita del 3%. Si è rafforzata ulteriormente la solvibilità del gruppo, che a fine marzo era stimata 1,5 volte i requisiti richiesti, corrispondente a un’eccedenza del capitale di oltre un miliardo di euro. “Le prime evidenze – è scritto nella nota dell’assicurazione bolognese – rendono prevedibile un risultato del trimestre positivo”.

“I risultati dei primi mesi ci fanno ritenere che il combined ratio del primo trimestre sarà in miglioramento significativo rispetto al 95,5% di fine 2011”. Lo ha detto l’ad di Unipol, Carlo Cimbri, presentando l’andamento della compagnia ai soci nel corso dell’assemblea.

“Quanto sarà significativo questo miglioramento lo comunicheremo tra circa una settimana quando approveremo risultati trimestrali che produrranno un risultato positivo molto migliore rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e un coefficiente di solvency oltre 1,5 volte l’indice di copertura obbligatorio e oltre 1 miliardo di eccesso di capitale. Anche senza i benefici Isvap la solvency sarà comunque di 1 miliardo sopra i minimi regolamentari“.

In particolare il valore di mercato del portafoglio di titoli di stato italiani è passato da 7,1 miliardi a fine 2011 a 8,2 miliardi al 12 marzo scorso.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74-89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

 

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

 

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19