La struttura dell’analisi tecnica: prezzi, tempo e volumi

Pubblicato da: MatteoT - il: 11-12-2012 21:57

Dopo aver introdotto il concetto dell’analisi tecnica, iniziamo ad addentrarci nella parte grafica della materia definendo e delineando gli elementi di base con cui ci troveremo a operare. Tra gli elementi grafici di base che vengono utilizzati per definire l’analisi tecnica dei mercati finanziari ne troviamo quattro: i prezzi, il tempo, i volumi e le rappresentazioni grafiche di altre variabili generali o specifiche.

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

I PREZZI: di questa variabile abbiamo già parlato nei giorni precedenti evidenziando, più volte, la loro importanza e il ruolo di pilastro fondante che rivestono nell’analisi tecnica. Se nell’analisi fondamentale il prezzo è l’oggetto dello studio, dal momento che si cerca di comprendere se questo è equo oppure sopra o sottovalutato, nell’analisi tecnica è un dato di fondamentale importanza per delinare i prossimi punti che potrebbero essere raggiunti, soprattutto in termini di supporti e resistenze.

IL TEMPO: in ordine di importanza è senza dubbio il secondo elemento di importanza, dal momento che risulta decisivo per pianificare l’operatività. Saper prevedere che il prezzo di uno strumento finanziario salirà, scenderà o rimarrà in una fase laterale ha poca utilità se non siamo in grado, con altrettanta precisione, di capire entro quanto tempo si verificherà questo movimento.

I VOLUMI: un altro rilevante elemento che consente ai traders di perfezionare la propria analisi è rappresentato dai volumi, che indicano la quantità di scambi che sono stati effettuati su un certo strumento finanziario. Questo dato aiuta a comprendere un aspetto fondamentale: quale delle due parti – acquirenti o venditori – sta portando sul mercato la forza maggiore e, di conseguenza, quale sarà l’andamento più probabile per il breve termine.

Una relazione, qui, è d’obbligo: un forte movimento al rialzo non potrà avvenire se non con un accompagnamento della crescita dei volumi. Al contrario, bassi volumi, sono il segnale principale di debolezza del trend e presuppongono un possibile segnale di inversione del trend in atto. Molto importanti, sempre in ambito di volumi, sono anche le divergenze: ossia quando abbiamo prezzi in saliti e volumi in discesa, o viceversa. In quest’ultimo caso, quello delle divergenze, siamo di fronte a un indebolimento del trend di base e a una possibile inversione della direzionalità dei prezzi.

RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE DI INDICATORI E OSCILLATORI: questi sono importanti perchè permettono al trader di comprendere l’andamento del mercato attraverso un semplice “colpo d’occhio”. I grafici, in particolare i bar chart e i candlestick, sono in grado di fornire, immediatamente, interessanti indicazioni

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.