I gap nel Forex: di cosa si tratta?

Pubblicato da: MatteoT - il: 20-12-2012 21:46

Torniamo ad addentrarci nel mondo del Forex e parliamo, ancora una volta, di uno delle caratteristiche di questo mercato che, inevitabilmente, mettono in difficoltà gli operatori. Si tratta della volatilità, oggi analizzata attraverso il concetto di “gap”. I gap si verificano in situazioni di volatilità estrema dei prezzi che fermano un vero e proprio vuoto, un buco tra i minimi ed i massimi dei timeframe di riferimento.

Essendo dei “buchi”, è facile intuire come vengano mostrati, graficamente, i gap; di fatto, nel grafico, il gap si evidenzia come un vuoto esistente tra il massimo (o minimo) del periodo e del minimo (o massimo) del periodo successivo. Questo, ovviamente, facendo riferimento al timeframe che viene preso in considerazione.

Per i trader che operano nel Forex, i gap sono degli indicatori estremamente rilevanti, soprattutto nel medio-lungo termine, mentre assumono un’importanza ben più modesta per gli scalper, ossia per chi fa un trading ad alta frequenza, aprendo diverse posizioni ogni giorno e chiudendole, si spera in profitto, dopo pochi minuti.

Generalmente, bisogna poi precisare, i gap tendono a richiudersi nel tempo; con ciò intendiamo che i prezzi, anche se in un’ottica temporale non sempre definita o facilmente determinabile, saranno destinati a ritornare al di sopra o al di sotto del gap, del vuoto apertosi.

Nell’analisi tecnica, poi, i gap sono di fondamentale importanza perchè mettono in mostra dei livelli di prezzo molto rilevanti: danno quindi origine a resistenze e supporti.

Da un punto di vista dell’analisi fondamentale, invece, i gap possono verificarsi dopo la pubblicazione di notizie di grande rilevanza finanziaria, come ad esempio la comunicazione di un dividendo azionario, il cambio di tasso di una valuta o la fuoriuscita di un prodotto che il mercato, in precedenza, non aveva scontato.

I gap, poi, devono essere considerati anche a livello operativo dal momento che fanno saltare qualsiasi tipo di stop loss o take profit che, in automatico, viene impostato. Il motivo è molto semplice: il gap, di fatto, porta i prezzi a saltare completamente il livello impostato come take profit o stop loss che, non venendo toccato, di fatto non si attiva.

Se la mancata attivazione di un take profit potrebbe generare sorprese positive al trader, generando profitti aggiuntivi, l’esatto opposto avverrà in caso di stop loss non “triggerato”.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com