I triangoli nel Forex: come interpretarli?

Pubblicato da: MatteoT - il: 21-12-2012 22:20

All’interno dell’analisi tecnica troviamo una serie di figure che sono state codificate in due macro classi; stiamo parlando delle figure di inversione e delle figure di continuazione. Il nome attribuitogli è già di per sé eloquente. Oggi, dopo aver brevemente definito cosa si intende per queste due categorie, andremo ad occuparci dei triangoli, evidenziandone caratteristiche, peculiarità e trattamento per il trader.

Le figure di inversione, come dice il nome stesso, lasciano presagire un cambio di rotta, un cambio di trend. Per far si che si possano presentare sui grafici e per far si che possano avere una certa rilevanza è necessario, innanzitutto, che ci sia un trend da invertire. Altrimenti non hanno alcun tipo di valore.

Queste configurazioni, quindi, si formano al termine di un trend al rialzo o al ribasso e, dopo un breve periodo di incertezza sul mercato, comportano un’inversione di tendenza. Se prima erano i venditori, ad esempio, ad avere la meglio sugli acquirenti – generando quindi un down-trend – ora troveremo una dominanza degli acquirenti a discapito dei venditori.

Chiaramente differenti sono, invece, le figure di continuazione; queste mettono in evidenza una sorta di pausa, di stand-by, di stallo in cui il mercato si trova. I corsi stoppano, almeno momentaneamente, la direzionalità che aveva dominato il mercato nei timeframe precedenti e, per un certo periodo di tempo, si muovono in lateralità, prima di riprendere il trend in atto prima di questa configurazione.

Oggi ci concentriamo sui triangoli che, nel Forex, sono inseriti tra le figure di continuazione. Dopo un periodo di pausa, infatti, i corsi riprenderanno lo slancio direzionale che aveva caratterizzato il mercato in precedenza. Tre sono le tipologie di triangoli che possiamo riscontrare: simmetrici, ascendenti e discendenti.

TRIANGOLO SIMMETRICO: si tratta di una figura le cui due linee orizzontali tendono a convergere verso un medesimo punto, il vertice, portando i movimenti di prezzo ad avere massimi e minimi sempre più vicini; avremo, quindi, massimi decrescenti e minimi crescenti. I prezzi si muoveranno all’interno di un range, di un canale dall’ampiezza sempre minore fino a quando, violando al rialzo la resistenza dinamica, riprenderà la direzionalità precedente.

TRIANGOLI ASCENDENTI E DISCENDENTI: parzialmente differenti sono, rispetto ai primi, questi due modelli di triangoli che si configurano per avere, rispettivamente, massimi praticamente costanti e minimi crescenti nel primo caso e massimi decrescenti e minimi costanti nel secondo caso. E’ facile intuire come i primi siano figure di continuazione al rialzo mentre, i secondi, si formeranno solamente in caso di un trend al ribasso. Entrambi, comunque, sono figure di continuazione, pertanto violando, rispettivamente, resistenze e supporti dinamici, porteranno al proseguimento del trend precedente.

Essi, però, devono essere analizzati al fianco del volume: essendo figure che esprimono un momento di stallo, di indecisione del mercato, essi generano un calo della volatilità ed un calo dei volumi. Per far si che la figura sia ritenuta valida è necessario che la rottura sia accompagnata da una nuova crescita dei volumi.

Per concludere questa trattazione sui triangoli possiamo dire come una loro ricerca ed una loro individuazione sia di fondamentale importanza per il trader che, con queste configurazioni, potrà avere una maggiore chiarezza sull’andamento che potrà avere il mercato nel proseguo.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
eToro
eToro OpinioniConto demo
IQ Option
IQ Option OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
ITRADER
ITRADER OpinioniConto demo
DUKASCOPY EUROPE
DUKASCOPY EUROPE OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com