La linee di contrattacco nel Forex: di cosa si tratta?

Pubblicato da: MatteoT - il: 27-12-2012 21:48

Nei precedenti articoli abbiamo trattato il tema delle figure di continuazione e delle figure di inversione. Le principali, come messo in evidenza dai post precedenti, sono triangoli, rettangoli, doppi massimi (o doppi minimi) e testa-e-spalle. Oggi, invece, parliamo delle linee di contrattacco.

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € ✅ Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

Le linee di contrattacco rientrano a pieno titolo nei pattern di inversione, ma rispetto alle altre figure risultano essere più rare e complesse da utilizzare. Pertanto, il tradare queste configurazioni grafiche, è preferibilmente indicato unicamente per gli operatori più esperti e, quindi, non per i novelli del Forex.

Le linee di contrattacco, dette anche counterattack lines, sono segnali formati da due candele giapponesi. Anche in questo ambito possono essere sia bearish che bullish e, quindi, rispettivamente riferite ad un mercato ribassista e ad un mercato rialzista.

La bearish linea di contrattacco la si può trovare alla fine di un trend positivo e, essendo un pattern di inversione, potrebbe portare alla fine di quell’up-trend. Si tratta di una configurazione formata da una candela rialzista seguita da una ribassista che, però, presentano delle caratteristiche:
– Esistenza di un gap tra le due candele;
– Il prezzo di chiusura delle due candele deve essere lo stesso.

Di riflesso, invece, una linea di contrattacco in un mercato toro presenta le stesse caratteristiche della precedente, ma si trova alla fine di un trend ribassista e, ovviamente, genera un segnale rialzista. Analogamente, quindi, dovremo trovare:
– Esistenza di un gap tra le due candele;
– Il prezzo di chiusura delle due candele deve essere lo stesso.

E’ importanto non confondere questi due segnali con il dark-cloud cover e con il piercing pattern; tuttavia, come detto già all’inizio, la necessità di avere simultaneamente un gap tra le due candele ed un uguale prezzo di chiusura, fa si che la configurazione si manifesti raramente.

Gli articoli che vi abbiamo proposto sui segnali di continuazione e di inversione dovrebbero avervi fatto ragionare molto sul fondamento psicologico che, ognuno di questi pattern, presenta alla base del proprio funzionamento. Come sempre, però, consigliamo di accumulare esperienza in demo nel tradare queste configurazioni prima di cimentarsi con il real e, quindi, con i soldi veri.

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.