I market mover della settimana

Pubblicato da: MatteoT - il: 11-03-2013 15:20

Quella che è iniziata alle 23.00 di ieri sera, domenica 10 marzo 2013, sarà senza dubbio una settimana molto interessante nel Forex, soprattutto per la coppia valutaria euro/dollaro americano. In questa settimana assisteremo ad una nuova impennata al rialzo o all’ennesimo crollo della valuta unica europea? Vediamo quali saranno gli appuntamenti in grado di condizionare andamento e volatilità dell’EUR/USD.

grafico

Nella mattinata odierna è stato pubblicato il dato sulla bilancia commerciale in Germania, rilevato al di sotto delle aspettative degli analisti; nei prossimi giorni avremo:
CPI finale (Germania): la lettura di gennaio metteva in mostra un – 0,5% su base mensile con un tasso di inflazione annuo dell’1,7%, in calo rispetto al 2,1% di dicembre 2012. Per questa lettura si attende un valore dello 0,6%.
CPI (Francia): l’indice dei prezzi al consumo è sceso dello 0,5% a gennaio 2013 anche in Francia, soprattutto a seguito della discesa dei costi del settore manifatturiero. Dopo quattro mesi consecutivi di calo, per questa lettura il dato dovrebbe essere + 0,5%.
Produzione industriale (Eurozona): nell’ultima lettura la produzione industriale nell’Eurozona ha fatto un passo in avanti, balzando dal – 0,7 al + 0,7%; gli economisti si attendono che, in gennaio 2013, la produzione industriale cali di un decimo di punto percentuale.
Bollettino Mensile BCE: a febbraio l’istituto di Francoforte si attendeva che l’inflazione sarebbe scesa al di sotto del 2% nei prossimi mesi, nonostante la forza rialzista dell’euro.
Summit UE: saranno giovedì 14 e venerdì 15 le due giornate in cui i leader dell’Unione Europea presenteranno i loro programmi relativamente al piano di tagli sul bilancio.
Inflazione: nel mese di gennaio 2013, rispetto a dicembre 2012, è scesa al 2%, in linea con il consensus. Nella versione core, invece, abbiamo assistito ad un calo all’1,3% rispetto all’1,5% di dicemrbe 2013. Per questa lettura, l’indice CPI dovrebbe aumentare al 1.8%, mentre la versione core dovrebbe attestarsi al 1.3%.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, i dati da tenere in considerazione saranno i seguenti:
Vendite al dettaglio: nell’ultima lettura il dato, 0,1%, non ha entusiasmato visto che a dicembre 2012 era stato dello 0,5%. Per questa lettura, le vendite al dettaglio sono attese a 0,5%, mentre la versione core dovrebbe scendere al di sotto dello 0,2%.
Prezzi di produzione: a gennaio 2013, l’indice PPI è cresciuto dello 0,2%, rimanendo però al di sotto delle stime degli analisti (0,3%). Il calo dei prezzi dell’energia lascia prevedere un aumento dei prezzi alimentari. La lettura di questa settimana è stimata in un + 0,6%.
Richieste per sussidi di disoccupazione: per questa lettura dovremmo attenderci un dato di 355 mila unità, rispetto alle 340 mila della scorsa settimana.
Inflazione: l’indice dei prezzi al consumo non ha segnalato differenze tra dicembre 2012 e gennaio 2013, rimanendo sempre al di sotto delle aspettative degli analisti. Per questa lettura gli analisti prevedono un valore dello 0.2%.

La scorsa settimana, anche complice la decisione della Bce di non modificare i tassi di interesse, abbiamo assistito ad un movimento ribassista della coppia valutaria euro/dollaro americano; per questa settimana, quindi, potremmo attenderci un movimento ribassista.

E questo per due motivi: la debolezza che caratterizza le economie dell’Europa centrale (Francia, Spagna ed Italia) e per la forza ritrovata dal dollaro americano, anche in virtù dei miglioramenti fatti registrare dall’economia Usa, anche e soprattutto sul fronte del lavoro con la disoccupazione scesa al di sotto dei livelli pre-crisi.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di Trading Voto Recensione Sito Web
eToro
eToro Opinioni Conto demo
Markets
Markets Opinioni Conto demo
24Option
24Option Opinioni Conto demo
ITRADER
ITRADER Opinioni Conto demo
XTB
XTB Opinioni Conto demo
* Your capital is at risk (CFD service)

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com