Continua la corsa della moneta virtuale

Pubblicato da: MatteoT - il: 07-04-2013 10:00 Aggiornato il: 03-04-2013 15:21

Quella che fino a pochi mesi fa sembrava essere una valuta digitale anonima e sconosciuta ai più sembra, ora, letteralmente esplosa con un tasso di cambio in dollari che è balzato ai massimi di sempre, in area 145 dollari, prima di correggere e scendere a 126. Stiamo parlando della cosiddetta “critto-valuta”, che ora vale praticamente il triplo rispetto alle quotazioni di inizio marzo.

Forex 10

Gli analisti hanno spiegato l’andamento con la contemporanea perdita di attrattività delle materie prime “finite”, come ad esempio l’oro. Negli Stati Uniti, però, non c’è alcuna legge fiscale che regola il suo passaggio di proprietà, dal momento che fino ad ora il problema non ce lo si era posto visto che non ha mai raggiunto un valore molto elevato.

Ora che un mazzo di monete virtuali vale oltre 2.500 dollari (un prezzo destinato a salire ancora), e’ probabile che lo Zio Sam prenda nota e intervenga. I Bitcoin, poi, non sono riconosciuti a livello internazionale e non hanno una circolazione fisica, ma sono scambiati unicamente su Internet.

Nessun governo federale ne riconosce l’esistenza e chiunque voglia possedere una moneta virtuale non e’ protetto in alcun modo se i Bitcoin vengono rubati o vanno perduti. Se il governo di Washington non riconosce i Bitcoin dal punto di vista legale, come fa allora chi fa affari con la moneta virtuale a dichiarare i redditi conseguiti per esempio dalla vendita della valuta?

Secondo i fiscalisti, come spiega David D. Stewart di Tax Analysts, bisogna considerare le monete al pari di classi di investimento come i titoli azionari. “Non paghereste mai una nuova auto con un’azione Facebook, ma anche il Bitcoin come il titolo del social network ha un valore”.

Anche se le persone che non se ne intendono pensano il contrario, il Bitocoin e’ una fonte di reddito e quindi va inserita nella dichiarazione fiscale. “Ogni volta che i Bitcoin vengono scambiati in dollari, si ha un obbligo contributivo”, ha dichiarato il commercialista americano. Proprio come avviene per operazioni piu’ comuni come la vendita di una casa.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com