I lotti nel Forex: quanto investire?

Pubblicato da: MatteoT - il: 06-04-2013 10:30 Aggiornato il: 03-04-2013 15:36

Uno dei punti più spinosi che i nuovi trader devono affrontare è la decisione di quanto investire in ogni singola operazione. Molto spesso, i primi giorni successivi all’apertura di un conto demo, si ha la tentazione di entrare a capofitto nel mercato senza aver ben chiaro alcuni concetti. Oggi, in questo contesto, parleremo di lotti e, quindi, di quanto è opportuno investire nel Forex.

Economia 2

Molti broker offrono, per i loro conti demo, cifre che vanno dai 50 ai 100 mila euro, ovviamente virtuali. Con una somma così grande, tanto più che è virtuale, non si fa molta attenzione alla grandezza della posizione che si va ad aprire e, quindi, al rischio che si decide di assumere. Invece è importante andare a conoscere i vari tipi di contratti che si possono negoziare.

Prima di tutto è importante andare a proporre la definizione di pip; prima per pip si intendeva “il movimento minimo che il prezzo di una coppia può avere”. Ora, in realtà, non è più così visto che la maggior parte dei broker ha iniziato a quotare i prezzi con 5 cifre decimali e non più con “solo” 4. Un pip, comunque, rimane la quarta cifra decimale per la maggioranza delle valute e la seconda per quelle quotate contro lo Yen giapponese.

Facciamo un esempio: con un broker che quota il prezzo a 4 cifre decimali, se il prezzo del cambio EUR/USD sale da 1,4785 a 1,4786 è salito di un pip. Se scende da 1,4786 a 1,4783 è sceso di 3 pip. Con un broker a 5 cifre decimali lo spostamento da 1,47356 a 1,47366 è considerato comunque un pip.

Per il cambio EUR/JPY ad esempio si guarda la seconda cifra decimale quindi lo spostamento da 130,69 a 130,70 è un pip, mentre con i broker che quotano una cifra decimale aggiuntiva lo spostamento da 130,706 a 130,716 è considerato un 1 pip. Spero sia chiaro perché è un concetto basilare.

Ora che abbiamo capito cos’è un pip possiamo vedere quali sono i principali contratti nel forex:

Partiamo dai lotti standard. In questo caso abbiamo di fronte un contratto con un valore nominale da 100.000 dollari che, senza la leva finanziaria, non sarebbe ovviamente negoziabile da un trader retail. Con la leva finanziaria sarà sufficiente disporre sul conto di una minima parte di questo ammontare per poter avere effetti positivi e negativi calcolati sui 100mila dollari.

Facciamo un esempio: con una leva a 100, sarà sufficiente avere sul conto 1.000 dollari. In questo caso ogni pip di variazione varrà, più o meno, dieci dollari. Quindi, aprendo una posizione con un lotto standard ed avendo una variazione di 50 pip, avremo perso o guadagnato 50 x 10 = 500 dollari.

Passiamo ai mini lotti; in questo caso avremo un valore nominale di 10mila dollari e, ogni pip, avrà un valore pari ad 1 dollaro. Quindi, aprendo una posizione con un mini lotto ed avendo una variazione di 50 pip, avremo perso o guadagnato 50 x 1 = 50 dollari.

Chiudiamo con i micro lotti; in questo caso il valore nominale è di 1000 dollari ed ogni pip equivale a 0,01 dollari. Quindi, aprendo una posizione con un micro lotto ed avendo una variazione di 50 pip, avremo perso o guadagnato 50 x 0,1 = 5 dollari.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
eToro
eToro OpinioniConto demo
IQ Option
IQ Option OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
ITRADER
ITRADER OpinioniConto demo
DUKASCOPY EUROPE
DUKASCOPY EUROPE OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com