Forex e vacanze: spendere meno con l’euro forte

Pubblicato da: MatteoT - il: 08-07-2013 15:24 Aggiornato il: 08-07-2013 11:28

austerità

Euro quanto mi costi. Eh sì, perchè da quando sul finire di luglio 2012 Mario Draghi ha dichiarato di voler fare tutto il possibile per salvare l’euro, sul mercato valutario la divisa unica europea è stata una delle principali protagoniste andandosi ad apprezzare nonostante le molte, forse troppe, incognite su una crescita economica dei relativi stati che la adottano.

Fino al primo semestre del 2013, quindi, l’euro ha fatto molto bene nei confronti delle principali valute mondiali, dollaro americano compreso. Con l’inizio della stagione estiva, i viaggiatori europei hanno la possibilità di beneficiare di interessanti “sconti” in paesi rispetto ai quali le dinamiche inflazionistiche e l’evoluzione del cambio hanno giocato a proprio vantaggio.

Unicredit Bank Austria, tramite i propri esperti, ha pubblicato uno studio molto interessante in cui vengono elencati una serie di Paesi dove le banconote europee hanno un valore maggiore.

Si tratta senza dubbio di un modo molto originale per programmare le vacanze, ma può essere davvero utile. Oggi 100 euro in tasca a un italiano si trasformano in 153 euro se si va in Ungheria e 158 euro in Turchia, che però sta attraversano una fase molto delicata dal punto di vista politico-sociale.

La Croazia resta interessante, anche se leggermente più cara rispetto allo scorso anno: 100 euro si “trasformano” in 133 euro. E’ ancora molto conveniente viaggiare negli Stati Uniti, dove 100 euro diventano 121 euro (lo scorso anno solo 116 euro). Tiene bene la Slovenia (100 euro diventano 120 euro), ma anche Portogallo (114 euro) e Spagna (107 euro). Chiaramente, all’interno dell’eurozona, si fa un discorso dei trend legati all’inflazione visto che la moneta è la stessa.

Fuori dall’Europa le grandi occasioni per sfruttare l’euro forte arrivano da Sudafrica ed Egitto, ma anche dal Brasile dove la moneta unica offre un potere d’acquisto del 6% più alto rispetto allo scorso anno. La grande novità arriva poi dal Giappone, che diventa per la prima volta meno caro dell’Italia.

La politica di svalutazione dello yen ha fatto salire il valore degli euro-vacanzieri del 24%. Tra i posti meno economici c’è sempre la Svizzera, dove 100 euro si trasformano in appena 67 euro (lo scorso anno 64 euro).

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com