Stop loss e take profit: introduzione a due strumenti fondamentali nel Forex

Pubblicato da: RobertoR - il: 11-09-2013 7:10 Aggiornato il: 07-12-2013 14:41

Lo stop loss e il take profit sono due strumenti che gli investitori sui mercati valutari dovrebbero imparare a conoscere in maniera approfondita: il primo indica infatti il livello che determina la chiusura della posizione in perdita, mentre il secondo fissa un prezzo obiettivo raggiunto il quale la posizione verrà chiusa in guadagno non appena si verificherà un rimbalzo verso un trend decrescente.

  🔝 CONTO E CARTA GRATUITI – Conto corrente ZERO SPESE con N26 — Carta Conto con IBAN (anche prelievi e bonifici gratuiti)  + Bonus fino a 150€ invitando i tuoi amici. ✅ Scopri di più sul sito ufficiale >>

  🔝 CONTO E CARTA GRATUITI – Conto corrente ZERO SPESE con N26Carta Conto con IBAN (anche prelievi e bonifici gratuiti)  + Bonus fino a 150€ invitando i tuoi amici. ✅ Scopri di più sul sito ufficiale >>

stop loss e take profit

Stop Loss

Introdotti brevemente questi strumenti, cerchiamo di capire come poter approfittare della loro grande importanza. Lo stop loss deve essere fissato sul livello pari a quanto siamo disposti a perdere qualora l’investimento valutario non andasse come sperato: in altre parole, appena acquistiamo un cross tra due valute, è bene inserire un livello di perdita massima sostenibile, che sarà ovviamente inferiore al prezzo di entrata.

Se quindi acquistiamo un cambio della valuta 1 contro la valuta 2 a quota 0,6900, e non vogliamo rischiare più di 25 pips, dovremo impostare lo stop loss a quota 0,6875. A questo punto, se il cambio proseguirà per il senso sperato, lo stop loss non sarà mai esercitato e il nostro investimento produrrà i frutti auspicati. Se tuttavia il cambio dovesse intraprendere un trend decrescente, il broker al quale abbiamo comunicato lo stop loss venderà il cross una volta raggiunta la quota stabilita (nel nostro esempio, 0,6875), impedendo il dilagarsi di potenziali perdite.

Take Profit

Di contro, il take profit si configura come un ordine automatico che ci consente di liquidare una posizione in profitto al raggiungimento di un target prefissato. Il take profit, così come lo stop loss, può essere inserito in qualsiasi momento della gestione della posizione, sebbene possa essere consigliabile (e non solo per aspetti psicologici), l’inserimento nel momento dell’acquisto del cross.

Se pertanto vogliamo scommettere sul ribasso su un cambio valuta 1 / valuta 2, acquistato a 1,0500, e vogliamo prendere il guadagno nel momento in cui il cambio toccherà quota 1,0000, dovremo impostare un take profit su quel livello, permettendo così al broker di chiudere in automatico la posizione non appena si toccherà tale soglia.

Torneremo sull’argomento nel corso delle prossime settimane, andando ad approfondire ciascuno dei due strumenti, e le loro modalità applicative.

Informazioni sull'autore

RobertoR

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74-89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

 

Scopri la semplicità della piattaforma
WEBTRADER di Investous!

 

Inizia a fare trading con un conto demo gratuito da 100.000$

Ora puoi fare trading sui CFD e nel forex con spread competitivi una leva fino a 1:400*