Rublo: perché investire sulla valuta russa?

Pubblicato da: TommasoP - il: 26-03-2018 12:58

Investirete sulle valute è stato sempre un ottimo investimento. Lo abbiamo visto con il trading Forex che per altro è considerato anche come il mercato più liquido al mondo.

In molti oggi si chiedono se convenga o meno investire su questa valuta. Noi di seguito l’abbiamo analizzata per te e siamo dell’opinione che è un ottimo asset su cui puntare e tenere in portafoglio anche in vista di una maggiore diversificazione d’investimento.

Conviene investire allora al rialzo o al ribasso?

Di seguito i motivi principali che ci inducono a pensare questo.

Partiamo dal principio. Sappiamo che la ripresa economica e la speranza nelle riforme di sostegno mantengono il rublo russo ancora in corsa.

Oggi ci sono alcuni motivi che ci spingono a pensare di puntare su di essa puntando anche ad una strategia al rialzo.

Per altro, sulla base di quella che è l’economia russa dalla ripresa a seguito della profonda recessione, il rublo mostra una continua crescita. Esso infatti oggi mostra una delle valute preferite dei mercati emergenti.

Allo stesso tempo, possiamo dire che l’attuale stato della nazione Russa come anche la concreta possibilità di riforme messe in atto, possono essere considerate quelle che meglio di altre possono garantire sostegni duraturi all’economia lasciano ben sperare tutti i trader in vista anche del futuro … in pratica esse mantengono il rublo in corsa.

Passiamo quindi ad analizzare prima di tutto i motivi che cvi inducono a pensare questo in vista anche delle analisi che sono state condotte dagli analisti e comprendere quindi anche il perché puntare sulla valuta russa in questo momento.

rublo russo

Rublo russo: perché investire su di esso con il trading Forex

La ripresa economica in Russia

Il primo elemento caratterizzate potrebbe essere senza ombra di dubbio la ripresa economica della Russia.

Essa per altro è una nazione che meglio di altre ha saputo mettere in pratica quelle che sono le riforme strutturali, mettendo in pratica un sistema di ripresa economica senza precedenti.

Questa la si analizza a seguito della profonda recessione che è stata causata dal notevole calo dei prezzi del petrolio. Un calo che ha preso il via già dal lontano 2014 e a cui hanno fatto seguito sanzioni per le aggressioni in Ucraina.

Solo lo scorso anno il rublo sembra sia salito significativamente rispetto al dollaro dopo gli anni più bui. Allo stesso tempo, possiamo anche vedere come esso è salito di ben oltre il 5,9%.

In questo 2018 è in rialzo dello 0,2% su quota 57 rubli per biglietto verde.

Se vogliamo fare un’analisi approfondita, anche comparandolo con il passato, possiamo notare come nel 2014 il dollaro era aumentato dell’82,9% contro il rublo russo.

Nel febbraio 2016 invece si parla di un livello più alto mai registrato, con un dollaro che comprava più di 78 rubli.

Robert Simpson, portfolio manager di Insight Investments, ha anche affermato che in questo momento il rublo è una valuta molto forte.

In pratica si registrano surplus strutturali, come anche alti tassi reali sulle obbligazioni locali, se non anche bassi livelli di indebitamento e/o bassi livelli di dipendenza dal capitale straniero.

I tassi reali

Altro elemento caratterizzante sono i tassi reali considerati come un supporto importante per il rublo.

Infatti tutti gli operatori di mercato concordano su questo punto, anche se è probabile che la Banca centrale russa continui a portare avanti una politica monetaria di stimolo, per via della modesta inflazione.

Anche in questo caso, possiamo prendere in esame quelle che sono le parole di Hans Redeker, responsabile della strategia di cambio presso Morgan Stanley.

Egli afferma che i tassi reali in Russia sono al momento tra i più alti nei mercati emergenti, e dovrebbero sostenere il rublo.

Per altro anche se facciamo un’altra analisi possiamo prendere in esame quello che dicono gli economisti di Capital Economics, Neil Shearing e William Jackson, prevedono che appunto l’inflazione russa continui al di sotto del tasso obiettivo della banca centrale del 4%.

Questo vuol dire anche che il potere di una banca centrale accomodante finisce sempre per pesare sulla valuta di un paese. Nel caso specifico invece è diverso.

Infatti tutti gli analisti di Morgan Stanley concordano sul fatto che i prezzi del petrolio sono più deboli e le tensioni geopolitiche hanno anche pesato sul rublo, anche se continuiamo ad assistere alla crescita della valuta.

In più la domanda di titoli di stato russi, rendono circa il 7% sui 10 anni, dovrebbe portare altri benefici alla crescita del rublo.

Il potenziale delle riforme

Anche le forme sono state molto importanti. Queste per altro hanno permesso di evitare la stagnazione economica.

Si tratterebbe di un destino che storicamente si abbatte sull’economia dopo un periodo di forte crescita!

In pratica si tratta di riforme che hanno saputo dimostrare che la Russia è ancora viva ed è un paese su cui puntare nei prossimi anni.

Questo viene anche dimostrato da c. Simpson il quale ha ribadito che dopo le elezioni la crescita potrebbe aumentare con l’accrescere della stabilità della nazione, e si andranno quindi a cercare nuove politiche economiche.

In pratica abbiamo visto il 18 marzo che Vladimir Putin ha di nuovo vinto le elezioni con uno scarto considerevole. Questo vuol dire che la nazione ha apprezzato gli sforzi che sono statui fatti dal Presidente e che punta da divenire ancora una volta se non a riprendersi quel ruolo di superpotenza economica mondiale.

Il fronte delle sanzioni

Altro elemento da considerare è quello portato avanti da Simpson, il quale afferma che il Rublo, dopo aver subito il peso delle sanzioni legati all’economia russa si è ben adattata all’ambiente, ed è ora meno dipendente da merci o flussi stranieri rispetto a quanto lo fosse qualche anno fa.

Per altro le eventuali sanzioni aggiuntive non dovrebbero infliggere ulteriori danni alla Russia secondo gli analisti. Infatti allo stesso tempo, possiamo dire che la paura di una possibile guerra commerciale scatenata dai dazi di Trump sulle importazioni di alluminio e acciaio e i segnali di ulteriori azioni rivolte verso la Cina hanno scosso gli investitori a livello globale.

Come investire sul Rublo?

Oggi esistono diversi sistemi che ti possono permettere di investire su questa moneta. Noi ne consideriamo al momento solo uno, per altro considerato anche il migliore: Il trading forex.

Grazie alle piattaforme di trading online regolamentate ed autorizzate come quelle da noi consigliate, oggi è possibile investire e fare trading puntando al rialzo o al ribasso di questa valuta.

Un esempio di ottimo investimento potrebbe essere quello offerto da IQ Option, il quale ti mette a competa disposizione una piattaforma di trading demo con un conto virtuale da ben 10.000 €.

Il conto demo IQ Option, per altro è consigliato sia nel caso in cui tu sia un trader principiante, sia anche nel caso in cui tu sia un trader esperto visto che ti offre la possibilità di mettere in pratica le migliori strategie di trading come anche familiarizzare con la piattaforma di trading.

Allo stesso tempo, puoi scegliere di investire con un conto reale di trading forex con appena 10 € e tarde minimi da 1 €. Tutto quello che devi fare è registrarti oggi stesso e aprire un conto di trading.

Puoi anche scegliere ad esempio di aprire un conto di trading al fine di richiedere tutte le informazioni possibili al servizio di assistenza clienti, sempre pronto e disponibile.

Investi nel mercato forex con il conto demo gratuito da 10.000 € Iq Option! Trade minimo da 1€! Conto reale da 10€!

>>Leggi anche: IQ Option Trading CFD: novità 2017 – demo – recensioni

In alternativa puoi scegliere di investire con il conto demo gratuito ed illimitato eToro che è il broker leader nel social trading e del copy trader.

Allo stesso tempo, devi sapere che il conto reale offerto prevede un deposito minimo più alto rispetto a IQ Option: 50€.

In sostanza eToro ti offre la possibilità di copiare le strategie di investimento di altri trader. In questo caso tu devi solo scegliere i trader che meglio di altri hanno fatto registrare le loro performance e investire su di essi.

Trader più copiati negli ultimi 6 mesi

Trader Guadagno Rischio Copiatori
AimsTrader
Jeroen Dekker
38,64%
6
6353
JeppeKirkBonde
Jeppe Kirk Bonde
-12,5%
5
6159
Wesl3y
Wesley Warren Nolte
-28,26%
6
5003
jaynemesis
Jay Edward Smith
-38,62%
6
4843
ALnayef
Fahad Alhajri
11,05%
3
3809
AlexPlesk
Александр Плескачев
-31,26%
6
3781
fifty-five
Albert Dietrich
0,16%
3
3130
AlexandruCinca
Alexandru Cinca
-10,06%
4
3013
goodgoing
Wayne Ryan
-21,44%
4
2993
FabianMarco
Fabian Gerspacher
21,31%
3
2936

Noi abbiamo riportato per te quelli che meglio di altri hanno fatto registrare ottime performance. A te il compito di scegliere quelli che meglio di altri riflettono le tue aspettative di investimento.

Una volta che hai scelto i trader, allora replica i suoi investimenti sul tuo conto. Quello che devi fare è proprio questo. Al resto penserà eToro.

Investi nel mercato forex con il social trading e il copy trader eToro con un conto demo gratuito ed illimitato

eToro social trading: guide alla piattaforma social

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

TommasoP

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com