Trichet: “Possibile aumento tassi, l’inflazione corre”

Pubblicato da: Luca M. - il: 03-03-2011 20:36

«Non è certo, ma è possibile un aumento dei tassi d’interesse il mese prossimo», sono le parole del presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, visto che «siamo in una posizione di forte vigilanza» sull’inflazione, trainata dall’aumento dei prezzi della benzina.

Trichet, rispondendo alle domande dei giornalisti, ha spiegato in merito alla decisione sui tassi che «non ci impegniamo mai in anticipo» e che «la decisione sarà presa al prossimo consiglio direttivo» della Bce, convocato a Francoforte il 6 e 7 aprile.

Gli economisti della Banca centrale europea hanno rivisto al rialzo le stime d’inflazione nell’area euro. Le nuove stime, presentate dal presidente Jean-Claude Trichet, indicano ora un’inflazione fra 2% e 2,6% per il 2011 (contro una «forchetta» compresa fra 1,3% e 2,3% nelle proiezioni di dicembre) e fra 1% e 2,4% per il 2012 (contro 0,7%-2,3% di dicembre).

Dunque la Bce suona l’allarme sui rischi di inflazione: «Sono in aumento», ha detto Trichet, aprendo la consueta conferenza stampa mensile e «aumentano» anche i rischi per la stabilità dei prezzi nel medio termine, il barometro principale della Banca centrale.

È necessaria «una forte vigilanza» sull’evoluzione futura, tenendo sempre a mente che è «imperativo evitare effetti secondari», quindi più ampi sull’economia nel suo insieme, compresi i salari, da queste «pressioni a breve termine» che derivano dall’aumento dei prodotti energetici e di molte materie prime.

«La Commissione Europea non ha fatto abbastanza» sulla Governance. «I Governi hanno indebolito la posizione della Commissione» al termine del Consiglio direttivo Trichet auspica «che il Parlamento europeo aiuti l’Europa a trarre una lezione dalla crisi per favorire un sistema di Governance migliore». Trichet insiste sulla necessità «dell’autamaticità delle procedure. È un fattore essenziale».

Dopo che a sorpresa la Banca centrale europea ha segnalato l’orientamento a procedere ad un rialzo dei tassi di interesse il mese prossimo si è registrato un balzo in avanti dell’euro sul mercato dei cambi. Nel pomeriggio la valuta dell’Unione a 17 si rafforza consistentemente, a 1,3948 dollari, laddove prima dei segnali della Bce fluttuava al di sotto di 1,39 dollari.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com