Foex: l’analisi della settimana

Pubblicato da: Luca M. - il: 07-03-2011 20:51

Le preoccupazioni dei banchieri centrali sono tutte rivolte al continuo rialzo dei prezzi; i 10 governatori più potenti dell’occidente si sono riuniti oggi a Basilea presso la Banca dei regolamenti internazionali discutendo per lo più del pericolo inflazione.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Jean-Claude Trichet, presidente della Bce, si è fatto portavoce delle loro istanze dichiarado come l’obiettivo da perseguire assolutamente sia quello di tenere sotto controllo i prezzi evitando in qualsiasi modo delle spinte inflazionistiche.

Nonostante questo fronte comune, le politiche economiche delle diverse Banche Centrali potrebbero prendere strade differenti. Se la Bce ha annunciato un aumento dei tassi di riferimento, così non è stato per BoE e Fed che hanno questa idea ma non nell’immediato; la Federal Reserve potrebbe attendere metà 2012, ovvero fra 15 mesi.

Per questo un alto dirigente della Fed, Roger Fisher, ha aperto oggi un dibattito: se sia il caso, o meno, di fermare il programma di allentamento quantitativo (QE2) da 600 miliardi prima che sia troppo tardi per rallentare i prezzi. Per questo è possibile uno stop anticipato rispetto al previsto (fine giugno).

Insomma l’inflazione, come molti economisti avevano previsto nel 2008, è diventato il “quarto mostro” nel videogame della crisi mondiale, per dirla come il ministro italiano Giulio Tremonti

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-72% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.