Forex trading: l’analisi della settimana in corso

Pubblicato da: Luca M. - il: 21-03-2011 20:26

La currency war vede segnare un armistizio dopo l’intervento internazionale a sostegno dello yen, moneta acquistata dai paesi del G7 dopo la riunione dello scorso giovedì sera. La volontà comune è quella di alleviare i dolori giapponesi dopo il terribile tsunami.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

La mossa del G7 è stata unica e non verrà ripetuta ed è stata finalizzata alla riduzione delle pressioni sulla valuta giapponese spinta al rialzo a causa di operazione di carry trade e non di reali timori per il fatto che il Giappone potesse vendere i propri asset denominati in dollari per l’emergenza.

Non è facile comprendere l’ammontare della cifra acquistata di yen, alcune stime parlano di 2 trilioni, ma i dettagli non sono stati resi noti.

Per il Giappone non si aspettano dunque tempi tranquilli nell’immediato post-terremoto. Infatti, se da un lato gli investitori rimangono avversi al rischio e si rivolgono allo yen, una moneta rifugio come anche il franco svizzero, dall’altro lato la mancanza di approvvigionamenti da nucleare peserà ulteriormente sul bilancio energetico nipponico. Lo stato sarà infatti costretto a fare incetta di idrocarburi per poter funzionare, dopo aver già dato il via allo sfruttamento delle proprie riserve strategiche di greggio

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.