Forex: migliorano i dati Usa sulla disoccupazione

Pubblicato da: Luca M. - il: 03-04-2011 13:09

Migliorano i dati Usa della disoccupazione; l’occupazione del settore non agricolo aumenta di 216mila unità per quanto riguarda il mese di marzo ed il tasso complessivo di disoccupazione si attesta all’8,8%; si tratta del livello più basso dai primi anni ’80.

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Il tasso di partecipazione è nettamente inferiore al tasso normale degli ultimi 20 anni, che è stato compreso tra il 66% e il 67% , anche se alcuni dicono che il declino è dovuto all’invecchiamento della popolazione.
Il tasso di occupazione della popolazione è leggermente aumentato a quota 58,5% a marzo.

Andando a vedere i dati relativi alle perdite di posti di lavoro dall’inizio della recessione, in termini di percentuali siamo allineati alle perdite di posti di lavoro massime. La recessione attuale è di gran lunga la peggiore recessione dalla seconda guerra mondiale in termini percentuali di occupazione, e la seconda peggiore in termini di tasso di disoccupazione, dato che solo la recessione dei primi anni ’80 ha fatto peggio, avendo registrato un picco del 10,8 per cento.

I dati di marzo sono stati leggermente superiori alle aspettative che avevano gli economisti relativamente al libro paga. Nel corso degli ultimi tre mesi, l’economia ha aggiunto circa 160 mila posti di lavoro paga al mese. In ogni caso si tratta di dati positivi, che hanno fermato nella giornata di ieri la discesa del dollaro contro le altre valute.

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.