La stampa di denaro influisce sulle valute?

Pubblicato da: Luca M. - il: 13-04-2011 15:46

Anche se con ritardi di uno o due anni, l’offerta di moneta influisce sull’inflazione e sull’andamento delle valute; questo fattore è molto importante da considerare perché fa sorgere una diretta correlazione tra la crescita monetaria e l’inflazione.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Questa correlazione viene definita positiva quando all’aumentare dell’offerta di moneta cresce anche l’inflazione; se invece all’aumentare dell’offerta di moneta l’inflazione dovesse scendere siamo in presenza di una correlazione negativa.

Questa correlazione è mantenuta sotto costante osservazione dalle banche centrali, le uniche ad emettere nuova moneta, ma con l’obiettivo di mantenere sotto controllo il livello dell’inflazione.
Questi istituti centrali hanno la possibilità di aumentare o diminuire la disponibilità monetaria semplicemente acquistando o vendendo titoli a reddito fisso, ovvero le obbligazioni (o buoni del Tesoro).

Se la banca centrale vende buoni del Tesoro, di fatto va a ridurre l’offerta di moneta e quindi diminuisce la liquidità del mercato. Al contrario questa può aumentare qualora la banca centrale vada ad acquistare questi titoli in quanto immette contanti nel mercato.

Il trader deve tenere sempre d’occhio le decisioni della banca centrale circa l’acquisto o la vendita di titoli per aumentare o ridurre la disponibilità monetaria; sono dati fondamentali nonostante possano essere utilizzati solo nel futuro prossimo, con una distanza di circa uno o due anni.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.