Ue: si punta all’unione fiscale tra Stati

Pubblicato da: Luca M. - il: 01-12-2011 17:20

Con la crisi del debito che ha colpito la zona euro, i ministri delle finanze dei 17 Paesi che utilizzano la divisa unica europea hanno approvato dei prestiti per evitare il fallimento greco ed hanno accettato di sostenere la loro quota nel fondo di salvataggio.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Parlando dopo la riunione dei ministri, Jean-Claude Juncker, a capo del settore Finanze dell’eurozona, ha dichiarato che i ministri stessi hanno accettato di partecipare al prestito da 8 miliardi di euro da dare alla Grecia. Anche il Fondo Monetario Internazionale farà la sua parte.

I ministri hanno anche concordato delle regole che consentano di aumentare la potenza del fondo di salvataggio per renderlo potente come assicurazione per chi acquista le obbligazioni di Spagna ed Italia, i due Stati più messi male dopo la Grecia.

Ora la Francia e la Germania, che sono in testa a questa crisi, hanno detto che prevedono di spingere verso la crezione di una unione fiscale, con regole più severe contro gli stati che sono fuori dai valori minimi richiesti. I dettagli di come questa cosa sarà realizzata non sono ancora noti.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.