I migliori timeframe per fare Forex

Pubblicato da: MatteoT - il: 28-03-2012 16:06

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

Come ben sappiamo, durante un certo periodo di tempo, le valute tendono ad avere un determinato andamento. L’obiettivo di qualsiasi trader è quello di riuscire a capire le tendenze per poterle trasformare in profitti. Per fare questo sono indispensabili le analisi grafiche.

Ci sono essenzialmente tre tendenze distinte, che si verificano in 3 tempi diversi:

1) Le tendenze a lungo termine che quelle che riflettono la salute di base del Paese che viene rappresentato dalla valuta in oggetto. Riflettono l’andamento economico degli ultimi mesi o, a volte, anni.

2) Le tendenze intermedie sono simili alle precedenti ma hanno un orizzonte temporale più breve; possono quindi durare per qualche giorno o per qualche settimana.

3) I trend giornalieri sono di brevissimo periodo e durano da poche ore fino, al massimo, un giorno.

Quali sono i migliori timeframe da usare per poter fare trading? Andiamo a scoprirlo. Innanzitutto parliamo di day trading: i dati del giorno sono inaffidabili e casuali. I livelli di supporto e di resistenza non possono essere utilizzati con successo perché si ha una volatilità casuale.

Ci sono milioni di trader che fanno forex per diversi miliardi di dollari al giorno ed è ovvio che i prezzi possono muoversi ovunque in un timeframe giornaliero.

Diverso è invece il discorso in un periodo di tempo più lungo dove invece è possibile definire meglio delle tendenze.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.