Intervento giapponese dietro l’angolo?

Pubblicato da: MatteoT - il: 30-03-2012 15:13

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Lo yen giapponese continua ad aumentare di valore; e con questo trend, i guadagni delle società giapponesi stanno diminuendo di molto a dispetto dell’incremento delle esportazioni che diventano sempre più costose.

La Bank of Japan (BoJ) sta accusando la “politica dei tassi estesi” della Federal Reserver USA a causa dell’attacco di pressione speculativa sullo Yen. Sfortunatamente, le azioni della Banca Centrale sono simili a un aereo che cerca di volare sbattendo le ali invece di planare; anche se ciò rallenta forse la discesa è destinato comunque un atterraggio disastroso.

La BoJ è soggetta alla crescente pressione ad agire, nonostante l’ultimo intervento di ottobre 2011 ha sfruttato ben 100 miliardi di dollari. Il Giappone non è in una situazione simile all’Europa per quanto riguarda il debito, in quanto la maggior parte dei titoli di Stato sono detenuti localmente da cittadini e banche, a differenza dai colleghi europei che fanno largamente affidamento sul finanziamento straniero. Tuttavia, con un rapporto debito/PIL del 200%, i politicanti e banchieri giapponesi stanno avvertendo il peso.

Mentre la coppia USDJPY avanza rapidamente verso il livello di supporto di 76 saremo in attesa di voci dalla BoJ intese a spaventare gli operatori più deboli, in quanto storicamente abbiamo visto che la minaccia di un’azione ha più effetto dell’azione stessa.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.