Brasile: tagliati i tassi di interesse

Pubblicato da: MatteoT - il: 19-04-2012 21:40

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

La politica sui tassi di interesse varia decisamente da Paese a Paese ed è, molto spesso, il fattore in grado di fare la differenza sull’andamento della finanza in generale. A seconda del pericolo di crisi o di crescita, cambia la politica che viene adottata.

Se negli Usa la politica dei tassi li vede congelati al minimo storico, almeno fino al 2013, in Brasile il modo di affrontare lo stesso argomento cambia radicalmente. Il margine operativo è decisamente più ampio e la politica dei tassi di interesse di un Paese in via di sviluppo è delicata.

Nella giornata di ieri è stato concretizzato il sesto taglio consecutivo dei tassi che ha portato dal 9,75% al 9%. Tale valore è il minimo da due anni a questa parte. Il provvedimento mira a rilanciare la crescita del Paese dopo il rallentamento di fine 2011.

La frenata economica è proseguita anche nelle prime battute del 2012 allarmando l’economia del Paese e costringendo ad intervenire immediatamente sui tassi, sperando che non sia troppo tardi per le manovre finanziarie.

Tra i Paesi Emergenti il Brasile non spicca particolarmente vicino agli altri colossi del settore, ma non per questo non rappresenta una buona forma di investimento; tolto il rallentamento registrato nel periodo indicato infatti il Brasile ha registrato una continua crescita ed espansione ed è pronto per affermarsi nel sud America come punto di riferimento.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.