Come vivere di rendita? Esempi pratici di come investire in azioni e obbligazioni 2019

Pubblicato da: TommasoP - il: 25-02-2019 15:55
Conosci il SOCIAL TRADING ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo su eToro e inzia a copiarli !  Disponibile conto demo gratuito con 100.000€ virtuali. Prova ora >>

Conosci il SOCIAL TRADING ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo su eToro e inzia a copiarli !  Disponibile conto demo gratuito con 100.000€ virtuali. Prova ora >>

Vi siete mai chiesti come fare per vivere di rendita? E soprattutto vi siete mai chiesti quali sono gli strumenti più idonei per vivere di rendita?

In questa guida vi illustreremo alcuni esempi pratici di come fare per vivere di rendita. Lo faremo analizzando uno strumento molto conosciuto ma poco utilizzato: le obbligazioni.

Ecco un chiaro esempio di come ottenere una rendita fissa investendo in titoli di stato o anche in obbligazioni in euro, senza correre particolari rischi.

Dove investire in obbligazioni?

Dove investire in obbligazioni?

Come vivere di rendita investendo in obbligazioni?

investire-oggi-obbligazioni

investire oggi in obbligazioni

Sono tanti gli investitori che si pongono questa domanda. Ovviamente rispondere a questo interrogativo non è affatto semplice. Molto infatti dipende dalle variabili e dalla propensione al rischio che ognuno di noi ha. In pratica, oggi non esiste una soluzione che possa andare bene per tutti gli investitori allo stesso modo.

La prima domanda che ci deve porre è questa:

Quanto vogliamo ottenere dal nostro patrimonio disponibile?

Una domanda abbastanza complessa certamente ma a cui cercheremo di dare una prima risposta concreta. L’obbiettivo a cui si deve puntare è ottenere il massimo dal proprio investimento. In pratica si deve far fruttare il denaro nel tempo.

Il fino dell’investimento? Garantirsi un’entrata fissa e periodica senza correre particolari rischi sul proprio capitale investito. In pratica si deve rapportare il risultato alle aspettative e al tenore di vita che si vuole avere ma soprattutto lo si deve rapportare al posto in cui si vuole vivere.

Una volta determinati questi primi parametrio, si potrà procedere oltre, stabilendo un arco temporale in cui far fruttare il capitale.

Quando si è proceduto poi a definire tutto questo, si deve considerare il rischio che ci si vuole assumere. In questo caso si deve valutare se investire in obbligazioni o se investire con altri strumenti.

>>Approfondimento: Investimenti sicuri senza rischi facili e veloci: quali sono?

Vivere di rendita investendo in obbligazioni: è possibile?

Ovviamente oggi, ci sono tantissime soluzioni e alternative possibili per investire e vivere di rendita. Le variabili sono tante e vanno sempre rapportate alla propensione al rischio che ognuno di noi ha. Ovviamente il rischio lo si deve rapportare anche al trader e all’investitore in base all’età e alla conoscenza che esso ha dei mercati.

Bisogna possedere una conoscenza basilare della materia. Se questa non la si ha, meglio affidarsi a gestori o a promotori che per natura si faranno pagare profumatamente per le loro consulenze e gestioni. Il rischio, però in questo caso, sarebbe quello che i guadagni per loro sono abbastanza alti.

>>Approfondimento: Come Investire 100 € o 1.000 euro nel trading online in Modo Sicuro Senza Rischi?

Esempio pratico di come investire in obbligazioni

Procediamo oltre e cerchiamo di comprendere come investire in obbligazioni per vivere di rendita. Supponiamo di possedere un patrimonio di circa 500.000 euro nominali.

In questo caso, si potrebbe optare per investirli in titoli a tasso fisso ovvero in investment grade in euro, con un arco temporale di medio-lungo termine.

Per costruire un portafoglio redditizio con 500.000 euro, si potrebbe optare per la soluzione di allocare i titoli suddividendo il patrimonio in 10 parti uguali. potremmo optare certamente per uno schema come quello di seguito riportato composto da 50.000 € per investimento:

  • Italia Btp 2,8% 2028 (IT0005340929);
  • Spagna 2,35% 2033 (ES00000128Q6);
  • Portogallo 4,1% 2037 (PTOTE5OE0007);
  • Bank of America 5,25% 2026 (XS0584356942);
  • Telecom Italia 7,75% 2033 (XS0161100515);
  • Atlantia 4,375% 2025 (XS0542534192);
  • ENEL 5,625% 2027 (XS0306646042);
  • GIE PSA 6% 2033 (FR0010014845);
  • Volkswagen 1,625% 2030 (XS1167667283);
  • Pemex 5,5% 2025 (XS0213101073).

Perché diversificare l’investimento?

Certamente si tratta di un portafoglio costruito sulla base dei migliori rendimenti che sono offerti dal mercato in questo momento. Si tratta di curare una certa diversificazione fra titoli di stato e corporate bond.

Le obbligazioni in pratica sono state selezionate in base alla possibilità di poterle acquistare comodamente all’interno dei mercati regolamentati dalla Borsa Italiana (Mot) ed EuroTLX per i tagli compresi tra 1.000 e 50.000 euro.

Il risultato?

Una media di cedole pari al 4.53% all’anno, ovvero 22.675 euro nel caso sopra esposto con un rendimento lordo del portafoglio pari al 3,02%.

Il capitale investito in questo modo viene ben ripartito e diversificato con un profilo di rischio medio con obbligazioni che appartengono a solidi emittenti nazionali e internazionali. Ovviamente si tratta di un solo esempio, ma vari e tanti possono essere gli esempi di investimento per un capitale di queste dimensioni.

Se anche voi siete degli investitori che prediligete l’investimento fai da te, potete optare per questo schema o anche altre soluzioni semplici e abbastanza redditizie. Certamente questo esempio è molto più proficuo che cercare di acquistare quote di fondi sui quali gravano commissioni e costi di gestione non sempre chiari e che spesso erodono il già risicato interesse che il mercato in questo momento offre.

>>Approfondimento: Come Investire Piccole Somme di Denaro nel forex?

Consigli per vivere di rendita

come vivere di rendita?

Come vivere di rendita? Consigli

A questo punto possiamo procedere con l’analisi di alcuni consigli importanti adatti a tutti gli investitori. Partendo dal principio, ovvero che rendita non vuol dire assolutamente ricchezza, ma è un termine che spesso viene utilizzato in modo improprio con questo significato. Procediamo oltre e cerchiamo di analizzare alcune proposte di investimento offerte dai migliori investitori.

Create un portafoglio di investimento ad hoc

Lo si potrebbe vedere come un investimento che non deve prendere in considerazione la possibilità di aprire un conto titoli in banca. Si deve solo separare il portafoglio, che ha un obiettivo ben specifico, da altre eventuali componenti patrimoniali. Questo serve a tenere sotto controllo l’investimento.

Puntate a cedole e dividendi alti

Potrebbe essere un’ottima soluzione ma non sempre la si può realizzare. Infatti, anche se si suppone che il denaro deve essere investito principalmente in strumenti finanziari, questi devono essere in grado di generare reddito con una certa regolarità. Si potrà per tanto investire grazie a cedole e dividendi.

Ad esempio scegliendo di investire in obbligazioni, con cedola alta, ovvero sopra la media di mercato, sopportando il fatto che siano quotate sopra la pari. Se si sceglie invece di investire in azioni, si potrebbe optare per investire direttamente in titoli azionari, tramite ETF e/o fondi comuni.

Il beneficio? Si otterrà una buona diversificazione, puntando ad un elevato dividend yield.

Evitare grossi rischi di perdita definitiva del capitale

Mai rischiare quello che non si ha. In pratica sarebbe opportuno investire sulla base dell’obiettivo del portafoglio. Ad esempio potete sopportare abbastanza bene le oscillazioni di mercato importanti, se continuano a essere pagate con cedole e dividendi.

Si deve sempre investire con ragionevolezza, frazionando i rischi, ed evitando di assumere importanti rischi di fallimento. Oggi anche gli Stati sovrani possono andare in default, non dimenticate di diversificare su base internazionale e valutaria.

Difendersi dall’inflazione

È importante proteggervi dall’erosione dovuta all’inflazione, che rappresenta un aumento dei prezzi, che in diminuisce il potere d’acquisto. In questo caso si deve tenere presente l’inflazione del Paese all’interno de quale avete intenzione di spendere quel reddito. Sarebbe meglio investire con dei titoli obbligazionari indicizzati all’inflazione (come i BTP Italia) e ai tassi d’interesse a breve (come i CCT).

In caso di emergenza si deve avere la possibilità di utilizzare il capitale

Anche se potrebbe sembrare una delle ultime soluzioni su cui puntare, sarebbe meglio optare per rendite che derivano da cedole e dividendi. In questo caso si potrebbe incorrere nel pericolo che il capitale sia relativamente piccolo e produrne in misura sufficiente non sia cosa semplice. Si devono sempre considerare le emergenze.

Si potrebbe optare per delle pratiche di buon senso che potrebbero liquidare parte del portafoglio ma che potrebbero far aumentare il proprio patrimonio. Ad esempio l’acquisto di un immobile potrebbe essere molto esplicativo. Ricordate sempre che il miglior investimento è il risparmio.

>>Approfondimento: Investimenti 2019: quali sono gli errori da evitare assolutamente?

Prestate attenzione alla liquidità degli strumenti finanziari

Meglio scegliere di investire comprando degli strumenti che abbiano una buona liquidità. Questo vuol dire poterli rivendere facilmente in caso di emergenza. Sarebbe una delle migliori soluzioni ma in questo caso si dovrebbe escludere l’investimento in immobili in quanto non sono adatti a questo obiettivo di investimento: sono beni illiquidi.

Puntate ad una crescita moderata del capitale

Mai cercare di strafare. Meglio optare sempre e solo per una crescita moderata del proprio capitale. Ad esempio avere come obiettivo un reddito corrente potrebbe porvi in protezione nei confronti dell’inflazione. Ecco il motivo per il quale sarebbe opportuno puntare ad una crescita regolare del proprio capitale.

Effettuate i necessari ribilanciamenti di portafoglio

Cosa vuol dire?

Vuol dire sostituite le obbligazioni scadute. In questo caso sarebbe opportuno movimentare poco il portafoglio variando ad esempio solo l’asset allocation a fronte di chiare opportunità offerte dal mercato. Si potrebbe pensare di prendere in considerazione degli investimenti con cedole o dividendi elevati che sono buoni fondamentali che magari hanno patito per una brusca discesa dei mercati.

Apri il tuo conto demo su XTB!

Non pagate costi di gestione superflui

Si devono sempre cercare di evitare i costi elevati; questi non sono necessari al fine di avere un buon portafoglio. Si tratta di un alto impatto negativo sui risultati del vostro investimento, trascinando verso il basso le vostre performance.

A questo punto, tutto quello che dovere fare è mettervi al lavoro per costruire il vostro portafoglio nel migliore dei modi se volete vivere di rendita. L’obiettivo è quello di creare un primo portafoglio, che vi possa garantire una rendita nel tempo e successivamente modificarlo in base alle vostre esigenze.

>>Approfondimento: Come investire in titoli di Stato? Perché investire in questo settore?

Vivere di rendita: calcoli e investimenti

vivere di rendita: calcoli

vivere di rendita: calcoli

  • È possibile oggi vivere davvero di rendita?
  • Quali sono gli strumenti più adatti a costruire il finanziamento della propria longevità con le rendite?
  • Quali sono gli elementi importanti da considerare per trasformare in rendita il capitale che si ha a disposizione?

Il primo elemento da considerare non è tanto il capitale ma l’orizzonte temporale sul quale si vuole puntare. In questo caso si deve analizzare l’età e il tempo che vogliamo impiegare per i nostri investimenti. Per far questo dobbiamo rispondere ad alcune domande:

  • A quale età vogliamo cominciare a percepire la rendita?
  • Per quanto tempo si vuole vivere di rendita?
  • Qual è la nostra propensione al rischio?
  • Che dimestichezza si ha con l’investimento?

Per rispondere a queste prime domande dobbiamo tenere in considerazione il potere d’acquisto che diviene un elemento fondamentale e importante considerare. Questo lo si deve prendere in considerazione ancor prima di costruire il proprio portafoglio in modo da far fronte anche ai possibili rischi legati alla svalutazione. In pratica si deve conferire potere reale e non meramente nominale al rendimento finanziario complessivo generato.

Quali sono gli strumenti per vivere di rendita?

Rendite assicurative

Definite come un’ottima strategia, anche se le soluzioni tipicamente di rendita assicurativa è legata alla vita del sottoscrivente e da una certa età in poi. Questo offre la possibilità di ottenere una conservazione nel tempo del potere d’acquisto della rendita. Infatti le compagnie praticano l’indicizzazione, ancorandone direttamente l’importo all’andamento dell’inflazione.

A queste si aggiungono anche le rivalutazioni come collegandole all’andamento di un fondo a gestione separata.

Altra caratteristica è invece quella di potere “modellare” la rendita sulle esigenze concrete del percettore attraverso meccanismi di reversibilità e in questo caso si ha la certezza dell’erogazione per un periodo predeterminato (5 o 10 anni) a beneficio di ulteriori soggetti che possono essere familiari e conviventi a prescindere dalla sussistenza in vita dell’assicurato.

Vi è da considerare poi anche il trattamento fiscale di favore, in quanto questi sono esenti da gennaio 2001 e come tale soggetti sono a imposta sostitutiva del 12,50%.

>>Approfondimento: Qual’è la differenza tra investire in borsa e trading Forex?

Rendite finanziarie

Come molti affermano, le possiamo definire delle ottime soluzioni di investimento. Molti invece le paragonano alle rendite assicurative in quanto producano delle rendite finanziarie, potenzialmente più remunerative in termini di rendimento. Queste hanno un limite rappresentato dal vincolo di permanenza alla conservazione del capitale di origine. Si potrebbe optare ad esempio per il servizio di rimborso programmato applicato all’investimento nei fondi comuni di investimento.

Considerare poi la periodicità e l’ammontare del disinvestimento.

Si potrebbe pensare in questo caso anche ai fondi comuni e alle polizze vita a distribuzione dei proventi. Molti invece preferiscono optare per i titoli di Stato con flusso cedolare come ad esempio:

  • Btp (Buoni poliennali del Tesoro) che sono caratterizzati dal tasso fisso e da cedola semestrale che però prevedono una durata di 3, 5, 10 e 30 anni;
  • Cct (Certificati di credito del Tesoro), a tasso variabile e che prevedono degli interessi indicizzati al rendimento dei Bot semestrali o annuali e sono emessi nel bimestre che precede il mese antecedente allo stacco della cedola, ugualmente semestrale.
  • Titoli obbligazionari con cedola, prestando però sempre la dovuta cautela e facendo attenzione all’analisi del rischio emittente.

Vivere di rendita: cosa deve considerare l’Investitore Consapevole?

Ci sono degli elementi che un buon investitore deve sempre considerare prima di investire. Ad esempio, se sì vuole vivere di rendita, non si devono mai prendere in considerazione alcuni investimenti. In pratica si deve:

  1. Evitare di fare trading; questo strumento di investimento non è adatto a chi vuole vivere di rendita con investimenti a lungo periodo. Si tratta infatti di investimenti che portano via diverso tempo e che prevedono anche lo studio e l’analisi dei mercati.
  2. Mai ragionare in termini di mesi ma di anni. Sin pratica meglio investire con costanza e metodo per raggiungere gli obbiettivi di lungo termine.
  3. Ridurre i costi legati agli investimenti come ad esempio le commissioni di ingresso, di uscita, lo spread, ecc.
  4. Dare una maggiore importanza alla strategia di vita di lungo periodo che si vuole raggiungere e non alle tattiche di breve periodo orientata al guadagno rapido.
  5. Cercate sempre di resistere alle perdite e continuate ad seguire lo stesso metodo nel tempo.

>>Approfondimento:Quali sono i passi da compiere per una corretta pianificazione finanziaria?

Come Vivere di Rendita?

Nell’esempio su riportato abbiamo riproposto la possibilità di vivere di rendita derivanti da obbligazioni per con un investimento di 500.000 €.

Un concetto importante per vivere di rendita non è solo considerare il capitale a disposizione per vivere, quanto piuttosto quelle che sono le spese da sostenere per arrivare a questo. Ad esempio si potrebbe vivere di rendita senza essere milionari o multi milionari ma ad ed esempio vi bastano anche 200 mila euro.

Ovviamente un numero minore di spese comporta un’alta rendita ovvero una maggiore capacità di vivere con poco. In questo caso sarà ancora minore il capitale necessario adatto a raggiungere la libertà finanziaria. Secondo un principio generale, per calcolare il capitale necessario per vivere senza lavorare è quello di moltiplicare le vostre spese annuali per 25 volte.

In pratica, se le vostre spese annuali sono di 12.000 € vi basterà moltiplicare questo importo per queste 25 al fine di sapere quanto capitale vi serve per crearvi una rendita mensile tale da mantenere il vostro stile di vita.

  • 12.000 euro x 25 = 300.000 euro

Questi dati sono solo indicativi e molto dipende dal tipo di investimento che decidere di fare.

Come vivere di rendita investendo in borsa?

Quando si parla di investimenti non possiamo non prendere in considerazione la possibilità di effettuare investimenti in borsa; in questo caso tenendo presente che non tutti gli investimenti sono uguali, si devono catalogare le diverse categorie principali in base al rischio/rendimento che si vuole sostenere.

Ad esempio, oggi, investire in borsa è complicato se non si sa su quali asset investire e se non si sa come fare. Anche i rendimenti delle obbligazioni e dei titoli di stato sono bassissimi e il mercato azionario globale è ai massimi storici. Ecco che se vuoi vivere di rendita, investendo su questi settori devi anche considerare i rendimenti.

Ad esempio, in base al tuo capitale potresti optare per investire in uno dei settori che di seguito analizzeremo.

Prima abbiamo supposto un capitale d’’investimento di 500.000 €. Adesso invece supponiamo un capitale minore di 200.000 €.

Si potrebbe optare per acquistare titolo di Stato a 10 anni che offrono un rendimento che si aggira intorno al 2% netto. Anche se potrebbe sembrare un rendimento ridicolo, nel lungo periodo non lo è. In pratica si avrebbe:

  • 200.000 x 2% = 4000 euro all’anno (ovvero 333 euro al mese) x 10 anni = 40.000 € netti.

In questo caso però vi è il rischio di dover tenere investita la somma di denaro in BTP per il periodo totale della scadenza.

Alternativa possibile sarebbe quella di investire in fondi o ETF obbligazionari al 100% con un orizzonte temporale di medio termine. Anche in questo caso si può pensare di ottenere un rendimento medio max. del 2% ma con una maggior diversificazione del portafoglio titoli.

Attenzione poi a non investire tutto il denaro che si possiede nel mercato azionario soprattutto in un momento critico come questo. Se non avete il capitale a vostra disposizione e iniziate da zero sarebbe meglio invece accumulare un capitale servendosi degli strumenti dinamici come fondi o ETF azionari.

Solo nel caso in cui avete un grande capitale da parte potete investire con piccole scadenze mensili, esattamente come se fosse un piano di accumulo.

>>Approfondimento: Come e dove investire i risparmi nei prossimi 5 anni?

Opinioni e considerazioni finali

investire-oggi-obbligazioni

Come vivere di rendita oggi ? Dove investire?

Se volete sapere come fare per investire la maggior parte dei vostri soldi allora meglio valutare bene le possibili alternative. Dovete tenere presente anche che si potrà investire copiando le operazioni che altri investitori hanno messo in pratica.

Cosa significa? Praticamente potete sbirciare quello che fanno gli altri investitori di un certo pregio e con una certa reputazione e poi replicare gli stressi investimenti.

Al momento, però la soluzione migliore potrebbe rimanere quella di specializzarsi in un settore e investire in borsa, ad esempio, in modo intelligente ovvero stando attenti alle azioni da comprare.

Gli investimenti legati al mondo finanziario restano sempre un’opportunità valida per tutti quelli che vorrebbero partire da zero e che non hanno un capitale di 500.000 o 200.000 € disponibili immediatamente. Si potrebbe optare per i piani di accumulo PAC.

Vivere di rendita è possibile ancora oggi?

Certamente sì! Ancora oggi potrebbe essere messa in pratica questa tecnica ma solo seguendo gli appunti che sono stati riportati e prendendo le giuste precauzioni del caso.

Molti solo coloro che, oggi più che mai, sognano di vivere di rendita. Ecco il motivo per il quale dovete sempre analizzare gli investimenti che fanno al caso vostro e che vi possano offrire questa sicurezza. Ma attenzione a non pretendere (almeno all’inizio) ritorni a doppia cifra.

CONTO DEMO

Apri un conto eToro.com

Prova il trading Forex con eToro.com! Scopri il social trading e il copy trading aprendo un conto demo e copia i Popular Investor!

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Plus500 Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 250€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Alvexo Deposito: 500 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

TommasoP

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com